Rifondazione appoggia la lotta dei lavoratori della Alpi di Modigliana

La vicenda dell’Alpi di Modigliana ancora una volta rivela sia la pervasività della crisi economica che ha colpito l’Italia e l’Europa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

La vicenda dell’Alpi di Modigliana ancora una volta rivela sia la pervasività della crisi economica che ha colpito l’Italia e l’Europa, dalla quale sarà difficile uscirne senza cambiare politiche economiche, ovvero senza cospicui investimenti pubblici, sia la necessità da parte dell’Azienda di impostare un piano industriale che investa nella qualità del prodotto e nella formazione dei lavoratori, in grado di garantirle la sua posizione di leader mondiale del settore. La proprietà, al contrario, ha sfruttato gli ammortizzatori economici pagati dalla collettività per garantirsi i profitti senza guardare al futuro e ideare un piano industriale adeguato. Ed oggi, ancora un volta, l’azienda annuncia l’intenzione di licenziare 250 lavoratori, ovvero il 50% del personale. Ciò non è accettabile ed è profondamente ingiusto. Per questo appoggiamo senza riserve lo sciopero e la mobilitazione che in queste ore i dipendenti, assieme ai Sindacati, stanno mettendo in atto. Da parte nostra, abbiamo presentato immediatamente, per mano del nostro Consigliere regionale Roberto Sconciaforni, un’interrogazione a risposta scritta alla Giunta regionale per chiedere “quale iniziative voglia mettere in campo per garantire i lavoratori di ALPI S.p.A. nel mantenimento della loro continuità occupazionale sul territorio” e “come voglia attivarsi per dare risposta alla richiesta dei sindacati in merito alla convocazione del tavolo in cui coinvolgere anche Comune, Provincia e Regione”. Il ruolo dei lavoratori, delle organizzazioni sindacali e politiche e delle istituzioni è fondamentale per far ritornare sui propri passi l’azienda, ma ancora più importante sarà la lotta che i lavoratori metteranno in campo e sulla quale il nostro appoggio sarà totale. In più occasioni, infatti, abbiamo visto che di fronte a scelte aziendali sbagliate o inique l’unità e la lotta dei lavoratori hanno portato a degli importanti risultati.

Nicola Candido
Segretario PRC comprensorio forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento