Rifondazione pensa alle elezioni e presenta "La Forlì che vorrei...in 10 passi"

Come Partito della Rifondazione Comunista abbiamo deciso di organizzare una serie di incontri, “La Forlì che vorrei… In 10 Passi!”, aperti a tutti i cittadini e alle forze politiche e sociali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Come Partito della Rifondazione Comunista abbiamo deciso di organizzare una serie di incontri, “La Forlì che vorrei…  In 10 Passi!”, aperti a tutti i cittadini e alle forze politiche e sociali, durante i quali approfondire le tematiche locali più importanti e costruire una piattaforma programmatica da mettere a disposizione di tutte le formazioni, civiche o politiche, che concorreranno nella prossima tornata elettorale di Forlì. Prima di tutto, infatti, ci devono essere le idee e i programmi. Il primo Passo sarà: “Partecipazione e Soft Welfare”. Le conseguenze della crisi economica, infatti, sono ogni giorno più drammatiche. Le istituzioni, dal Comune al Governo, non sono in grado di fornire risposte ai bisogni dei cittadini. In un Mondo sempre più ricco e con risorse ampiamente disponibili per tutti, molti non hanno di cosa vivere. Un paradosso generato dall’avidità di alcuni e dall’impotenza dei cittadini. Oggi più che mai è dunque necessario reagire, ribellarsi, organizzarsi. La partecipazione e la solidarietà attiva possono essere un mezzo efficace per cambiare le cose, per iniziare una giusta ridistribuzione delle risorse, non in astratto, ma in maniera concreta, qui ed ora. Per fare ciò l’impegno diretto dei cittadini è fondamentale come dimostrano gli esempi virtuosi all’estero e in Italia. Ad esempio, il Comune di Grottammare (AP) è stato uno dei primi in Italia ad adottare il “Bilancio Partecipativo” e la democrazia diretta per rispondere in maniera efficace al degrado del territorio, alla crisi di coesione sociale e alla sfiducia nei confronti delle istituzioni agli inizi degli anni novanta.  Negli ultimi mesi anche a Forlì, nel quartiere di Villafranca, si è avviato un percorso di autorganizzazione e partecipazione dei cittadini per rispondere, in maniera solidale e concreta, alla mancanza di fondi e per garantire maggiori e migliori servizi alla popolazione.
Due esempi virtuosi dai quali ripartire e per ridare dignità e una nuova vitalità alla Politica e alle Istituzioni.  Sabato 18 Gennaio alle ore 16:45 approfondiamo le esperienze di Grottammare e Villafranca presso la sala del Foro Boario, Piazzale Foro Boario n. 7. Interverranno Massimo Rossi ex Sindaco di Grottammare e promotore del Bilancio Partecipativo in Italia ed Euro Camporesi, Coordinatore del quartiere di Villafranca di Forlì.
Tutti i partecipanti potranno contribuire a definire delle proposte per Forlì intervenendo nella discussione e inviando idee e suggerimenti a: laforlichevorrei@gmail.com  su Facebook: laforlichevorrei

Nicola Candido
Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Torna su
ForlìToday è in caricamento