menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riforma lavoro, la Cisl invoca modifica su ammortizzatori sociali

Fim-Cisl chiede “che CGIL-CISL-UIL nazionali e locali proclamino immediatamente iniziative unitarie a sostegno delle posizioni e delle richieste assunte, per dare un segnale forte a tutte le forze politiche e al Governo”

La Segreteria Provinciale della FIM-CISL di Forlì-Cesena, a seguito dell’interruzione del confronto fra Governo e Parti Sociali, sfociata con l’approvazione nel Consiglio dei Ministri del 23 marzo 2012 delle Linee guida di Riforma del Mercato del Lavoro, informa in una nota a firma di Claudio Valentini che “da mandato a tutte le RSU FIM-CISL di mettere in campo iniziative di mobilitazione anche attraverso la condivisione con le altre  RSU”.

“Tali iniziative devono essere rivolte al sostegno delle richieste di modifica proposte dalla CISL e delle richieste unitarie di modifica fatte da CGIL-CISL-UIL – evidenzia Valentini -. Auspichiamo che tali iniziative, riportino CGIL-CISL-UIL NAZIONALI, a condividere obiettivi comuni, per il miglioramento e la correzione della riforma, e che incontrino la condivisione e la sensibilizzazione delle forze politiche perché si facciano portatrici delle seguenti modifiche durante l’iter parlamentare”.

Tra gli obiettivi quello di “estensione delle protezioni e delle tutele ai lavoratori che oggi ne sono sprovvisti, rendendo più equo il sistema di protezione sociale”; “modificare l’iter temporale di transizione degli istituti di sostegno al reddito, con modifica della copertura per durata e tutela, poiché la durata inferiore di questi ammortizzatori sociali pone un problema di sostenibilità sociale man mano che le fasce di età si alzano, dovuto alla difficoltà di ricollocazione e alle modifiche dei criteri di accesso alle pensioni, anche con un eventuale aumento rispetto all’attuale sistema”; e l'articolo 18, sottolineando che “la tutela del lavoratore illegittimamente licenziato per qualsiasi causa, prevedendo in ogni caso anche la possibilità di reintegro al lavoro”.

La Segreteria Provinciale della Fim-Cisl chiede “che CGIL-CISL-UIL nazionali e locali proclamino immediatamente iniziative unitarie a sostegno delle posizioni e delle richieste assunte, per dare un segnale forte a tutte le forze politiche e al Governo”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento