menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ristori ai pubblici, Pompignoli a Bonaccini: "Modificare il bando"

Lettera del presidente della Commissione Bilancio e Affari Istituzionali dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna, Massimiliano Pompignoli, al governatore Stefano Bonaccini

"Modificare con urgenza il “Bando per il sostegno ai pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande”". E' l'appello che Massimiliano Pompignoli, presidente della Commissione Bilancio e Affari Istituzionali dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna, rivolge al governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, chiedendo di rimuovere il criterio del Documento Unico di Regolarità Contributiva in regola. 

Esordisce l'esponente del Carroccio nella missiva: "In questi giorni la Regione Emilia-Romagna, d’intesa con UnionCamere, ha stanziato circa 21 milioni di euro per i ristori a favore di ristoranti, bar, pub e osterie, esercizi fra i più penalizzati dalle misure di contrasto alla pandemia. Beneficiari di tali contributi sono le imprese, aventi qualsiasi forma giuridica, con codice Ateco primario 56.10.11 o 56.3 che esercitino l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande. Peccato che tra i requisiti per accedere al bando gestito dalle Camere di Commercio della Regione vi sia quello di avere il Durc 2020 (Documento Unico di Regolarità Contributiva) in regola. Un requisito che nessun Comune e nemmeno lo Stato ha mai introdotto nei rispettivi provvedimenti di ristoro. Un vincolo che rischia di escludere dal bando regionale la maggior parte dei pubblici esercizi del nostro territorio che, per ragioni di liquidità, hanno dovuto sospendere i propri versamenti".

"L’inserimento, da parte del legislatore regionale, di questo discutibile criterio, non fa che restringere, condizionandola, la platea dei beneficiari e mette a dura prova i settori della pubblica ristorazione e dei bar, già fortemente colpiti dall’epidemia da Coronavirus - prosegue Pompignoli -. Inoltre, da una prima ricognizione con le associazioni di categoria, sembrerebbe che l’erogazione dei contributi, da parte delle Camere di Commercio della Regione, avvenga non prima del mese di giugno".

"È evidente che il combinato disposto di questi elementi rischia di rendere la misura regionale del tutto inefficace e di vanificare l’intento, politicamente condivisibile, di costruire un bando a misura dei pubblici esercizi che potesse mitigare, con strumenti rapidi e puntuali, le gravi difficoltà in cui versa questo settore - osserva Pompignoli -. L’appello che le rivolgo è quindi quello di modificare con urgenza il “Bando per il sostegno ai pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande”, di recente pubblicato sulla piattaforma di UnionCamere Emilia-Romagna rimuovendo, tra i criteri di ammissibilità delle domande, quello di essere in possesso del Durc in regola".

In attesa di un Suo gentile riscontro in merito, porgo cordiali saluti.


    Il presidente
Avv. Massimiliano Pompignoli

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento