menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Gagliardi

Stefano Gagliardi

Romagna Acque, Gagliardi (Pdl): "Le divisioni nel Pd danneggiano Forlì"

Il capogruppo in consiglio Provinciale del Pdl, Stefano Gagliardi, ha presentato un'interrogazione sulla nomina della presidenza di Romagna Acque, con il riminese Tonino Bernabè, ex segretario dei Ds e compagno della parlamentare Emma Petitti candidato alla successione della forlivese Ariana Bocchini

Il capogruppo in consiglio Provinciale del Pdl, Stefano Gagliardi, ha presentato un'interrogazione sulla nomina della presidenza di Romagna Acque, con il riminese Tonino Bernabè, ex segretario dei Ds e compagno della parlamentare Emma Petitti candidato alla successione della forlivese Ariana Bocchini. L'esponente del partito azzurro sottolinea come "le divisioni e le liti, tutte fra amministratori di spicco del Pd, finiscano per danneggiare il nostro territorio".

Gagliardi chiede al presidente Massimo Bulbi se corrisponde al vero che "i sindaci di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini si sono ritrovati per decidere le sorti di Romagna Acque, senza il coinvolgimento di tutti gli altri soci della Società. E qualora fosse vero, "se ritiene questo comportamento esempio di quella trasparenza più volte richiesta e annunciata dal Sindaco di Forlì".

L'esponente del Pdl chiede al presidente della Provincia "se non pensa che anche questo episodio sia emblematico di una dirigenza locale che pare non pensare più a costruire ma a distruggere quel poco che è rimasto, a discapito dei  cittadini e delle istituzioni". Inoltre intende conoscere se corrisponde al vero che "la cessione a Rimini della presidenza di Romagna Acque, che per i prossimi anni dovrebbe investire oltre 300 milioni di euro, sarebbe stata fatta per consentire a Forlì di avere quella di Start Romagna, che non pare invece navigare nell’oro".

Gagliardi intende sapere dal presidente della Provincia "come pensa di agire per tutelare gli interessi del territorio e dei “piccoli” comuni soci di Romagna Acque, nonchè per rimarcare il fatto che l’atto di togliere la Presidenza alla nostra provincia, che ospita la principale fonte di approvvigionamento idrico della Romagna, la diga di Ridracoli, frutto di intuizioni e di grandi investimenti, deve essere il risultato di una scelta dovuta non a beghe di partito o, ancora peggio, personali  ma deve essere motivata a seguito della dimostrazione della qualità e della competenza del candidato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento