Politica

Rondoni (PdL): "Investimenti senza fantasia". Biserna risponde

Alessandro Rondoni, capogruppo Pdl, interverrà in Consiglio Comunale martedì 25 settembre anche sulle variazioni proposte dalla Giunta al Bilancio di previsione 2012 e a quello pluriennale 2012-2014

Alessandro Rondoni, capogruppo Pdl, interverrà in Consiglio Comunale martedì 25 settembre anche sulle variazioni proposte dalla Giunta al Bilancio di previsione 2012 e a quello pluriennale 2012-2014. «Gli investimenti e le opere pubbliche previsti dal Comune - afferma - sono scarsi e modesti, molto al di sotto delle promesse elettorali. Vi è stato un vistoso taglio degli investimenti rispetto all’anno scorso, da 23 milioni a circa 11, così come hanno documentato in Commissione Consiliare il vicesindaco Biserna e l’assessore competente Briccolani, che hanno ammesso la crisi economica oltre alla mancanza di fantasia nel prospettare questo piano risicato».

Il capogruppo Pdl, inoltre, osserva: «Non si potrà certo investire nel futuro della città solo implementando la scuola di Carpinello, ristrutturando il Campostrino e sistemando le strade. Cose da fare, ma ci vuole ben altro. Anche per la mancanza di progettualità di questa Giunta e della maggioranza che la sostiene, la Forlì del 2030 sarà, purtroppo, una città dormitorio». Rondoni, poi, come già affermato intervenendo in Commissione Consiliare, ribadisce: «Sulle tre-quattro priorità per la città è necessario cercare risposte condivise, come avevo già proposto con il “Patto per Forlì”, perché tutti i forlivesi insieme, i rappresentanti di maggioranza e di minoranza, si impegnino per le infrastrutture e il bene del territorio».

Martedì 25 alle ore 12, inoltre, Rondoni incontrerà i cittadini al Rondo Point (corso della Repubblica angolo piazza Saffi) per rispondere alle loro domande e per illustrare le recenti prese di posizione politiche e le proposte del Gruppo consiliare Pdl.

 

Risponde a stretto giro il vice-sindaco Giancarlo Biserna: “Mi spiace dover dire al Consigliere Rondoni che sbaglia nella sua valutazione del Piano. Basta guardare la situazione ed i fatti. Affermare che le opere indicate sono scarse e modeste e poi addirittura che sono al di sotto delle promesse elettorali dell' anno di grazia 2009 significa non considerare cosa è successo in questi anni e cosa continua a succedere. Io dico proprio il contrario. Nonostante la grande e lunga crisi, peraltro senza prospettive di attenuazione, riuscire a garantire le cose essenziali dalle manutenzioni alla conservazione del patrimonio, delle scuole e delle strade, dalla sicurezza al verde sino a confermare quanto necessario ad alcuni cantieri prioritari ed essenziali è molto. Se poi consideriamo alcune importanti partite in fieri, dalle scuole al campus direi che è ancora di più”.

 

“Dire infine che nel 2030 Forlì sarà una città dormitorio mi pare la ciliegina sulla torta di una visione irrealistica. Guardiamo all' oggi ed al medio termine: possiamo ben vedere come le sole opere San Domenico, Ex Gil, Campus, tangenziale ed asse di arroccamento possano dare uno slancio veramente importante alla nostra città ed ai suoi traffici”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rondoni (PdL): "Investimenti senza fantasia". Biserna risponde

ForlìToday è in caricamento