Sanità, Bartolini (PdL): "Complimenti sindaco, farà carriera"

Per chi come me non detiene quote azionarie in nessuna azienda sanitaria privata, è soltanto un onore sentirsi definito primo nemico della sanità dal partito responsabile di questo sfacelo forlivese.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Per chi come me non detiene quote azionarie in nessuna azienda sanitaria privata, è soltanto un onore sentirsi definito primo nemico della sanità dal partito responsabile di questo sfacelo forlivese. Lo stesso partito che ha provocato clamorosi fallimenti là dove ha messo mano: Sapro, aeroporto, fiera. Ma tornando alla sanità e al calo delle prestazioni sanitarie del 30% all'Ospedale Morgagni-Pierantoni, un dato emerso durante una delle ultime riunioni tecniche aziendali, il sindaco Balzani tira fuori una serie di numeri per smentire questo trend – purtroppo reale – e questo suo modo di fare ci ricorda tanto quel periodo in cui si negava al sottoscritto il buco che annunciai, quel deficit di 58 milioni di euro dell'Ausl di Forlì, un buco che poi risultò addirittura di 60 milioni di euro.

I numeri, evidentemente, si possono leggere in tanti modi. E quindi mi aspetto già la velina bulgara che, con nuovi dati alla mano, smentirà se stessa pur di non dare una immagine negativa come sostiene e richiede il Sindaco. Le mie fonti non sono quelle edulcorate della direzione generale “commissariata” due anni fa dal presidente Errani per realizzare il proprio disegno politico a vantaggio di Ravenna e che utilizza i dati pro domo sua. I miei dati provengono direttamente, e senza filtri politici, dall'interno dell'Ospeale, dove ormai il Pd forlivese è visto dagli operatori come quel partito che non è più in grado di difendere le eccellenze maturate negli anni dalla nostra sanità.

Ai cittadini importa poco dell’immagine, importa soltanto che se c’è ad esempio una sala operatoria che è costata milioni di euro, questa poi lavori sette giorni su sette e non solo tre giorni alla settimana per essere allineata al ribasso agli standard dell’Area Vasta, causando un allungamento dei tempi di attesa, incomprensibili per i cittadini a fronte dei tanti milioni di euro investiti.

A me, che non interessa fare carriera nel PD ma soltanto difendere l’Ospedale di Forlì con le sue eccellenze che lo fanno uno dei primi in Italia, preme solo dire le cose come stanno, riportare quelle considerazioni scomode che tutti – tranne quelli in carriera di partito – dicono sottovoce dentro all'ospedale e che nessuno ha il coraggio di esternare per non essere professionalmente eliminato dal “blocco commissariale” di fatto imposto da Bologna.

La mia credibilità sui temi della sanità credo di essermela conquistata sul campo in questi anni, intervenendo più volte per portare alla luce tante situazioni e la patente me la hanno data i cittadini elettori facendomi diventare il più votato in tutta la Regione e non certamente quel PD che ogni volta che intervengo mi smentisce, mi denigra, mi offende, salvo poi rimangiarsi tutto quando, infine, i fatti emergono in tutta la loro sostanza.

Nell’aver riconosciuto pubblicamente come ulteriore eccellenza dell’Ospedale Morgagni il nuovo sistema di trasporto robotizzato della coop rossa forlivese Formula Servizi, credevo, per l’ennesima volta, di aver dimostrato obiettività di non aver pregiudizi verso nessuno. Ma a quanto pare, dire invece la verità sul lento declino della nostra sanità a vantaggio di Ravenna e delle altre Ausl della Romagna dà molto fastidio a chi si sente responsabile di questi disastri per la debolezza politica cui oggi versa Forlì in tutta la Regione.

Ma se il PD di Forlì è così bravo come sostiene il Sindaco, perché non esprime neppure un Assessore in Regione?
Rimpiango infine quel Balzani che si arrabbiò con Errani dicendo a mezzo stampa di essersi sentito da lui trattato come un bambino deficiente quando ammise candidamente di aver imparato soltanto dal mio intervento che il suo Direttore Generale veniva, a sua insaputa, trasferita a Firenze.

Oggi, purtroppo per i forlivesi, vedo un Balzani più proiettato a far carriera dentro al PD, pronto ad attaccare chiunque pur di non offuscare, pure lui, la stella cometa Errani.
Complimenti Sindaco, farà carriera.
 

Torna su
ForlìToday è in caricamento