rotate-mobile
Sanità

Sanità, il caso del portale dei medici di base: "Soppresso un servizio primario senza confronto". L'Ausl: "Parole infondate"

Luca Bartolini, dirigente di Fratelli d'Italia Forlì-Cesena, torna sul tema sollevato con una interrogazione in Consiglio Regionale dal Consigliere Regionale Marta Evangelisti (FdI)

"La gestione di un'azienda sanitaria dovrebbe avere l'obiettivo di risolvere i problemi, non di crearne dei nuovi. Ma questo assunto non sembra essere condiviso dall'Ausl Romagna che ha privato, senza nessun confronto, i medici di base forlivesi del portale Log80, una soluzione tecnologica più funzionale rispetto agli altri software in utilizzo (progetto Sole e Fascicolo sanitario elettronico), la quale ha il vantaggio di avere in una unica visuale grafica tutti i confronti dei dati diagnostici dell'assistito in tempo reale, senza quindi il bisogno di fare lunghe ricerche semi manuali”. Luca Bartolini, dirigente di Fratelli d'Italia Forlì-Cesena, torna sul tema sollevato con una interrogazione in Consiglio Regionale dal Consigliere Regionale Marta Evangelisti (FdI).

“Log80, lo ricordiamo, è un software made in Forlì, progettato a partire dal 2005 dagli stessi informatici dell'Ausl di Forlì: un applicativo pensato per le esigenze dei medici, che funzionava bene e offriva un servizio impagabile rispetto agli altri software simili - argomenta Bartolini - Viene da chiedersi perché l'Ausl Romagna abbia smesso di investire su questo software e certamente non regge la risposta d’ufficio data dall'azienda. Se la problematica fosse davvero legata all’applicazione del Gdpr 679/2016, regolamento europeo già in vigore da qualche anno, vorrebbe dire che negli ultimi anni l'Ausl sarebbe stata non in regola e passibile di segnalazioni al Garante della privacy, con il rischio di pesantissime sanzioni; in ogni caso, con adeguate lettere di incarico al trattamento dei dati personali, alla luce delle novità contenute dal Gdpr, il problema sarebbe stato facilmente risolto. La motivazione, quindi, non può che essere politica: a pensare male, da forlivese che si è battuto contro la costituzione della mega Ausl della Romagna, mi verrebbe da dire che se il software fosse stato realizzato nella vecchia Ausl di Ravenna o di Cesena, anziché in quella di Forlì, questo sarebbe ancora utilizzato dai medici e non messo in discussione dalla Direzione Generale. In ogni caso, da quanto ci risulta, i medici di medicina generale non hanno un accesso 'indiscriminato' alla cartella clinica dei loro pazienti, come sostenuto dall'Ausl Romagna, ma accessi intrinsecamente indispensabili, finalizzati unicamente allo svolgimento corretto della specifica attività loro affidata dai pazienti stessi che li hanno scelti".

Prosegue Bartolini: "Oggi un medico ha il dovere di avvalersi di tecnologie e strumenti avanzati per una migliore salvaguardia del proprio assistito e il Portale Log80 soddisfava questa esigenza: non è sostituibile dal FSE e la Cartella Sole spesso ha problemi di funzionamento. Se c'è un problema, tutti gli sforzi devono essere finalizzati alla risoluzione del problema. La soppressione di un servizio primario, che andrebbe altresì potenziato ed esteso, potrebbe infatti generare effetti negativi per i pazienti stessi, oltre a maggiori spese nonché di salute. L'Ausl Romagna ha invece soppresso un servizio primario senza confronto, ignorando la possibilità di una opportuna preliminare riflessione congiunta con i medici di famiglia, finalizzata alla comprensione delle criticità ed alla ricerca delle possibili soluzioni. Il modus operandi è quindi sempre lo stesso quello di un'azienda che tratta i medici al pari di propri sudditi ai quali imporre con arroganza le proprie decisioni. E di riflesso, a subire i disagi maggiori, sono poi sempre i pazienti. Mi auguro che la Direzione Generale voglia smentire questa mia tesi riaprendo, con un incontro ad hoc, quel necessario dialogo con i medici di base forlivesi al fine di ridare loro uno strumento operativo importantissimo per garantire le migliori diagnosi e cure ai propri pazienti".

La replica dell'Ausl

Replica Agostina Aimola, direttrice amministrativa dell'Ausl Romagna: "Non ritenendo di dover aggiungere altro in merito al tema della dismissione della visualizzazione del portale di Log80, che ha impattato su una parte dei medici di medicina generale di Forlì, a cui da molti anni è stato consentito l'accesso ad un applicativo che nel tempo - come è ovvio che sia - ha anche modificato le sue caratteristiche e i relativi requisiti di accesso, per dovere di informazione e rispetto dei cittadini forlivesi si sente tuttavia la necessità di smentire una dichiarazione completamente infondata del dirigente di Fratelli d'Italia Luca Bartolini, il quale avrebbe sicuramente la possibilità, essendo fortemente radicato nel suo territorio, di colmare certe lacune conoscitive. Log80 è un software sviluppato inizialmente presso la ex Ausl di Forlì da una azienda di Forlì, su cui la "mega" Ausl della Romagna ha investito e continua ad investire importanti risorse professionali e finanziarie - oggi anche più di prima stante i fondi del Pnrr -, per sviluppi, intergazioni ed evoluzioni, tanto da diventare la cartella clinica di tutti gli ospedali della Romagna. Quindi non si capisce il vittimismo con cui si denuncia la sua dismissione. Log80 non è lo strumento normativamente preposto alle attività del medico di base, i quali - come detto - hanno diritto a strumenti efficienti e adeguati alle attività assistenziali, ma che non si possono sovrapporre alla cartella clinica ospedaliera. Vale inoltre la pena ribadire, repetita iuvant, che nessun dipendente della Romagna (medico, infermiere o altre professioni) ha accesso a tutte le informazioni sanitarie in maniera indiscriminata; esistono vincoli e gerarchie di accesso. Questo a tutela dei pazienti, della loro privacy, delle loro scelte. Prima di lanciare strali e intravedere complotti, sarebbe sufficiente informarsi meglio sull'utilizzo e le finalità dei diversi strumenti informatici. Può richiedere più tempo, ma evita sicuramente di mandare messaggi distorti alla popolazione". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, il caso del portale dei medici di base: "Soppresso un servizio primario senza confronto". L'Ausl: "Parole infondate"

ForlìToday è in caricamento