Sanità, Italia dei Valori: "Integrare le due Ausl"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

La politica deve avere la lungimiranza di capire che, come è accaduto per gli enti locali, la gestione della AUSL com'è stata fino ad oggi non sarà più sostenibile nei prossimi anni. Come Emilia-Romagna possiamo reggere ancora per un paio di anni all'aumento della spesa di circa il 5% annuo, ma nel lungo periodo, a meno di forti novità, ci saranno sicuramente difficoltà. Italia dei Valori crede che si debba mettere mano all'organizzazione amministrativa delle aziende sanitarie della provincia. Al di la del PAL e delle polemiche strumentali la vera sfida è quella di unire le due aziende sanitarie e razionalizzare più in generale la struttura amministrativa, con l'obiettivo di sbloccare risorse da spendere per la tutela, la cura e il recupero della salute.


E' necessario superare i campanilismi e spingere affinché all'integrazione tra le due AUSL si sostituisca la più concreta fusione. Visto il dibattito che ha attraversato l'AUSL di Cesena per il passaggio al distretto unico sarebbe anacronistico ritrovarci tra qualche anno con due AUSL a distretto sanitario unico, sopratutto se si tiene in consideazione anche l'area vasta. Presto metteremo in campo una proposta politica che va in questa direzione.

Torna su
ForlìToday è in caricamento