Politica

Sanità a rischio. Lusenti: "17 miliardi in meno con le manovre"

"Preoccupazioni" per la sostenibilità del sistema sanitario, nazionale e dell'Emilia-Romagna, per il triennio 2012-2013-2014 sono state espresse dall'assessore regionale alla Salute, Carlo Lusenti

“Preoccupazioni” per la sostenibilità del sistema sanitario, nazionale e dell'Emilia-Romagna, per il triennio 2012-2013-2014 sono state espresse dall’assessore regionale alla Salute, Carlo Lusenti, alla commissione “Politiche per la salute e politiche sociali”, presieduta da Monica Donini. “In questo triennio, secondo tre distinte manovre finanziarie, verranno meno 17 miliardi di euro di risorse per il sistema sanitario nazionale”.

“A queste si aggiungeranno, fatto ancora più grave, due miliardi di euro di ticket a partire dal 1^ gennaio 2014. Questi interventi – ha sottolineato Lusenti - possono davvero essere insostenibile per il sistema sanitario nazionale e regionale”. Per quanto riguarda il 2012, l’assessore ha precisato che “di fronte ad un incremento del 2% delle risorse per l’Emilia-Romagna, si registra, in negativo, un aumento dei costi del 3,5%; l’obbligo di copertura degli ammortizzatori non sterilizzati (160 milioni) e la mancata copertura del finanziamento governativo (61 milioni) sui ticket (nella casse regionali è entrato solo il 40% del finanziamento previsto), senza contare il possibile aumento dell’Iva sui prodotti (farmaceutici e tecnologici) acquistati dalle Aziende sanitarie. Nella Conferenza Stato-Regioni – ha ricordato l’assessore – il giudizio di tutte le Regioni è stato unanime: un quadro insostenibile per i servizi primari e per i cittadini". Se ci sarà l’accordo Stato-Regioni (che non dovrà penalizzare la sostenibilità del sistema sanitario), l’assessore, auspica, in quella sede, "un passo in avanti da parte di tutti, al fine di investire su un nuovo welfare a livello nazionale”.


Unanime preoccupazione, oltre alle richieste di chiarimenti, è stata espressa da tutti i consiglieri intervenuti: Paola Marani, Marco Carini e Roberto Piva (Pd); Andrea Defranceschi (Mov5stelle); Roberto Corradi (Lega nord) e la presidente Monica Donini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità a rischio. Lusenti: "17 miliardi in meno con le manovre"

ForlìToday è in caricamento