Santa Sofia, verso le amministrative: Il Pd: "Confronto vero a viso aperto"

"Il Partito Democratico di Santa Sofia ha avviato da tempo una riflessione ed un percorso nell’ambito del centro sinistra che proporrà al paese in vista delle elezioni amministrative del Maggio 2014"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Il Partito Democratico di Santa Sofia ha avviato da tempo una riflessione ed un percorso nell’ambito del centro sinistra che proporrà al paese in vista delle elezioni amministrative del Maggio 2014. Un percorso che prescinde quindi dal dibattito in corso in questi giorni sulle amministrative santasofiesi e che non fa riferimento alle discussioni nate sui social network avviate da singoli individui politici o forze politiche. Discussioni che presentano un aspetto sicuramente positivo nella volontà di arrivare a decisioni e soluzioni comuni e condivise sui problemi che il particolare momento storico ci impone di affrontare: la crisi economica, la rivoluzione amministrativa e il riordino dei servizi. Problemi che vanno affrontati auspicando sicuramente convergenze ampie e che il PD ha sempre cercato di discutere con i cittadini in ogni sede.

Troviamo però di negativo la denigrazione del confronto politico e democratico che va invece, a nostro avviso, sostenuto e portato avanti in modo civile cercando di comprendere le ragioni e le motivazioni degli interlocutori. Siamo convinti che i cittadini abbiano il DIRITTO di poter assistere, nel loro territorio, ad un dibattito politico di spessore fra le parti politiche in campo per potersi fare un’idea personale, scegliere e dare il proprio contributo. Un confronto che vuole scongiurare ed esorcizzare lo scontro, cosa invece non avvenuta negli ultimi 3 lustri.

Scontro che non si può certo imputare all’attuale gruppo dirigente del PD santasofiese ma, al contrario, a molti attuali consiglieri comunali. Auspichiamo un confronto vero a viso aperto e senza scambi sottobanco che evidenzi e valorizzi le differenze esistenti su modelli sociali, ambiente, lavoro, istruzione e immigrazione. Un arricchimento al dibattito e alle idee che diventa garanzia al cittadino che verrà scelto per governare il nostro paese lo farà incalzato da una minoranza attenta e propositiva.

Il Pd pensa che la forza di mediazione della politica debba tornare a contare per avere in futuro una politica del territorio che non abbia lo scopo di “colonizzare” i più deboli ma di farli crescere nell’interesse comune. Per tutto questo non pensiamo che una “squadra unitaria forte” come proposto in questi giorni possa essere la soluzione giusta. La soluzione proposta dal circolo del PD di Santa Sofia è quella di un forte rinnovamento, non legato solamente all’aspetto anagrafico del termine, di una forte apertura a tutte le forze di centro sinistra presenti e di un riavvicinamento a tutti i disaffezionati della politica. Esistono poi problematiche scaturite dalle “regole” che andranno sicuramente condivise tra centro destra e centro sinistra come per esempio gli aspetti dell’Unione (15 comuni) e, nel caso, il conseguente sub-amibito. Aspetti che auspichiamo trovino una forte condivisione.

Il Partito democratico non vuole che come avvenuto negli ultimi anni la politica si divida sulle persone ma si impegnerà affinché si torni a discutere su progetti politico-amministrativi in grado di coinvolgere i cittadini. Lo faremo confrontandoci con il popolo del centrosinistra santasofiese e cercando di mettere in piedi un programma degno del paese che l’amministrazione uscente ci lascia".

Torna su
ForlìToday è in caricamento