Sicurezza, Morrone (Lega): "Servono misure urgenti per la Polizia Penitenziaria"

Il parlamentare della Lega Jacopo Morrone, già sottosegretario alla Giustizia, ha condiviso i motivi della protesta dell’Unione sindacati di Polizia penitenziaria

"Misure urgenti per il sistema carcerario al collasso e per migliorare e sostenere l’attività del Corpo della Polizia penitenziaria". Il parlamentare della Lega Jacopo Morrone, già sottosegretario alla Giustizia, ha condiviso i motivi della protesta dell’Unione sindacati di Polizia penitenziaria partecipando alla manifestazione indetta giovedì pomeriggio a Roma, davanti a Palazzo Montecitorio. "La difficile situazione che sta vivendo la Polizia penitenziaria è nota, ma il Governo e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sono ciechi e sordi di fronte alle legittime richieste del Corpo - esordisce il parlamentare -. Eppure sono davanti agli occhi di tutti la necessità di una riforma strutturale e gli errori compiuti dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria".

Per l'esponente del Carroccio, "è urgente aumentare l’organico e dotare gli agenti di adeguate dotazioni e strumenti di autotutela e difesa, come il taser e le bodycam, ma bisogna anche ripensare al sistema delle cosiddette ‘celle aperte’ e trovare soluzioni adeguate per i soggetti con disturbi psichiatrici che non trovano posto nelle Rems (residenze per l'esecuzione delle misure di sicurezza) e che, di conseguenza, rimangono nelle strutture carcerarie ordinarie, andando a gravare  prevalentemente sulla Polizia penitenziaria per la mancanza di personale specializzato e adeguata copertura sanitaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto da un'auto in sorpasso, sciagura in via Del Partigiano: ciclista perde la vita

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento