rotate-mobile
Politica Civitella di Romagna

Il sindaco di Civitella dà le dimissioni in dialetto: la poesia di Bergamaschi

"Ho scelto di scrivere una poesia con un idioma caro a noi romagnoli , il nostro dialetto, una lingua spesso dura e cruda, come la nostra terra, ma diretta e schietta"

“Ho scelto di scrivere una poesia  con un idioma caro a noi romagnoli , il nostro dialetto, una lingua spesso dura e cruda, come la nostra terra, ma diretta e schietta, che molto spesso ho usato nel mio ufficio per dialogare con i cittadini, a volte per metterli a proprio agio, altre volte per una forma di rispetto alle persone anziane che  trovavano difficoltà a parlare correntemente l'italiano”. Il sindaco di Civitella, Pierangelo Bergamaschi da' le dimissioni in dialetto.

In zir par Zivitela
( a spasso per Civitella )

Andend in zir par Zivitela, in sti mument, prema dla fiera di sant, uns perla ad ètar : "E sendik us vò dimet!"

“U' menca poc agli elezion , ma lu u dis c'un gne la fà piò. U dis che un gnè al condizion par andè a vanti, ma 'u javrà pinsè bén?”

In tla vita lè impurtent  la fameja , i amig , la scòla e lavor,  ma soprattòt  par un rumagnol l'impurtent lè zire a testa èlta.

Avè e curag dal propri azion lè impurtent, tòtt is lamenta dla puletica, a tòtt i livel , tòtt jà la soluzion, ma molt spéss la soluziòn la jè luntena, e par arivej bsogna fè di sacrifizi.

Agli elezion gli jè ad un tir ad sciòp e pasè un Nadel senza sendik un né un disastar! Sicurament la manchenza las sintirà, soprattot in sti mument ad crisi, ma e zòg u vel la candela!

Al discussion  in tè consej comunel, per cal robi che ormai tòtt i sa , li ma fat  decid par sta soluzion, anche se a malincor.

Avreb tradì mè e i mi zitadèn se a fos andè aventi in stal condizion.

E sendik ad Zivitela

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco di Civitella dà le dimissioni in dialetto: la poesia di Bergamaschi

ForlìToday è in caricamento