menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Siria, Casadei (Pd): "No ai bombardamenti, stop alla vendita di armi"

"Un intervento armato esterno in Siria sarebbe un segno di impotenza della comunità internazionale". Così i consiglieri regionali del Pd, Thomas Casadei e Antonio Mumolo

"Un intervento armato esterno in Siria sarebbe un segno di impotenza della comunità internazionale". I consiglieri regionali del Pd, Thomas Casadei e Antonio Mumolo, fanno proprio l'appello del Movimento Non violento che chiede all'Italia di fare il possibile perché i venti di guerra si arrestino e perché la pace in Siria venga ricercata senza ricorrere all'uso delle armi.

"Per anni le potenze occidentali hanno tollerato e addirittura sostenuto una dittatura che in Siria ha causato quasi 100mila morti. Non sono state tentate mediazioni e non si è fatto nulla per fermare la vendita delle armi alle fazioni in lotta. Ora - domandano i consiglieri - si pensa di far cessare la guerra civile con dei bombardamenti dall'alto che come sempre, farebbero vittime tra i civili e non farebbero che aumentare la tensione e l'odio?"

"Come sempre gli unici a guadagnare qualcosa da un intervento armato sarebbero i mercanti di morte che vendono armi e che escono vincitori da tutte le guerre. L'Italia, per una volta, si è espressa positivamente ricordando il ruolo delle Nazioni Unite e riconoscendo al Parlamento la sovranità delle scelte di politica estera. Ora - concludono Casadei e Mumolo - serve uno scatto: il Governo italiano chieda con forza alla comunità internazionale di sospendere la vendita delle armi a paesi in guerra e di rilanciare il ruolo delle Nazioni Unite".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlimpopoli, lavori su via Tagliata, usare percorsi alternativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento