menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sport e coronavirus, Morrone (Lega): "Incredibili dichiarazioni di Baruffi"

Afferma Morrone: "Il ‘fondamentalismo’ chiusurista sta facendo danni ovunque, ma la sinistra non se ne fa una ragione proseguendo sulla strada delle libertà negate, degli obblighi e delle sanzioni"

Il parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, attacca il sottosegretario alla presidenza della Giunta Bonaccini Davide Baruffi. "Nei giorni scorsi l’esponente piddino ha dichiarato candidamente che l’attività motoria in generale è stata vietata non perché rappresentasse un primo fattore di contagio, ma perché si voleva dare il senso che il regime di restrizioni era molto severo e stringente per tutti - afferma il leghista -. Tradotto in soldoni: si sono tenute chiuse palestre e piscine, si è messo a rischio l’attività professionale di migliaia di persone e si è impedito di praticare sport, incutendo timori e minacciando sanzioni, non per provate ragioni scientifiche, ma per rinforzare un regime sanitario liberticida e impositivo sostenuto a spada tratta da gran parte del Pd".

"Ho aspettato le scuse pubbliche di Baruffi e il riconoscimento del clamoroso errore, stigmatizzato sui social e dalla stampa, invece nulla - conclude -. Un pessimo segnale da parte dell’establishment Pd che considera un fatto ‘normale’ l’imposizione ai cittadini di un regime di obblighi e divieti, anche non giustificati da alcun dato scientifico o addirittura destituiti di ogni credibilità come il coprifuoco. Il ‘fondamentalismo’ chiusurista sta facendo danni ovunque, ma la sinistra non se ne fa una ragione proseguendo sulla strada delle libertà negate, degli obblighi e delle sanzioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento