menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casadei (Pd): "No al reato di clandestinità, aboliamo la Bossi-Fini"

"La legge Bossi Fini va cambiata perché non è con il furore securitario che si governano processi complessi e delicati come quello dell'immigrazione", afferma il consigliere regionale Pd, Thomas Casadei

"La legge Bossi Fini va cambiata perché non è con il furore securitario che si governano processi complessi e delicati come quello dell'immigrazione. Aderiamo con convinzione all'appello di Repubblica per l'abolizione della legge Bossi-Fini e ci auguriamo che il grido di indignazione che si sta alzando in questi giorni non rimanga inascoltato". E' quanto afferma il consigliere regionale del Pd Thomas Casadei, da tempo impegnato sul piano politico e sociale nei vari ambiti delle politiche migratorie.

"Come denunciano da anni tutte le associazioni che si occupano di immigrazione, - sottolinea Casadei - la legge Bossi-Fini non solo è fortamente discutibile sul piano etico e inefficace, ma è addirittura nociva perché contribuisce ad alimentare i canali illegali dell'immigrazione e ad arricchire i mercanti di morte: lo testimoniano chiaramente i drammatici eventi di Lampedusa".

"Quante altre stragi devono servire perché l'Italia e l'Europa cambino le proprie politiche e decidano di trattare come esseri umani persone che hanno il solo desiderio di voler scappare da guerre, persecuzioni, situazioni di estrema povertà? - si chiede l'esponente democratico -. Il Parlamento italiano si faccia subito carico di questa urgenza, abolisca la Bossi-Fini e doti il nostro paese di una legge sull'immigrazione all'altezza delle necessità dei tempi che stiamo vivendo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento