Trasporto pubblico, Pompignoli (Lega): "Dalla Regione dotazione assolutamente insufficiente"

Il consigliere ha chiesto se saranno prese in considerazione tutte le aziende di autobus e il numero di mezzi aggiuntivi

Sul tema del trasporto pubblico regionale è intervenuto in Aula il consigliere Massimiliano Pompignoli (Lega). "Dopo la nostra richiesta di aumentare anche con mezzi privati il numero di autobus, sappiamo che il servizio di trasporto è stato potenziato con ulteriori 120 mezzi vocati al trasporto turistico - ha spiegato il consigliere. Da qui la richiesta alla Giunta, tramite question time, di capire "con quali criteri vengono identificate le ditte private per il trasporto delle persone a cui fare ricorso e se saranno prese in considerazione tutte le aziende di autobus e noleggio con conducente (Ncc) anche non riunite in consorzi".

"Stiamo costantemente monitorando la domanda - è stata la risposta dell'assessore ai trasporti Andrea Corsini che ha precisato: - la capacità messa a disposizione è di 120 mezzi (che portano il numero di bus ad oltre 6 milioni) ma la domanda si è fermata ad oggi a 80. Se la richiesta aumenterà, anche i restanti bus verranno messi in campo". 8 verranno destinati alla provincia di Piacenza, 12 a quella di Parma, 15 a quella di Reggio Emilia,12 a quella di Modena, 15 a quella di Bologna, 5 a quella di Ferrara e 12 per tutta la Romagna. L'assessore ha poi spiegato che la Regione ha scelto "agenzie locali per la mobilità e l'individuazione degli operatori è di competenza delle stesse agenzie per la mobilità provinciali" e che le "aziende Ncc richiedono tempi troppo lunghi".

"La Regione aveva promessi 120 bus, ad oggi ce ne sono 80, terremmo sotto controllo la domanda di trasporto pubblico in tutta la regione, anche se mi sembra un numero non sufficiente per le province" ha spiegato il consigliere Pompignoli che si è dichiarato "non particolarmente soddisfatto della risposta. Una dotazione assolutamente insufficiente che non può definirsi risolutiva rispetto al problema del trasporto pubblico scolastico. 12 autobus per tutta la Romagna sono una goccia nel mare. Non solo non risolvono il problema, ma si dimostrano discriminanti dal punto di vista della quantità. Sono mesi che i Sindaci denunciano il congestionamento del trasporto pubblico scolastico. Apprezzo lo sforzo, benché tardivo, di questa Giunta ma temo che la toppa sia peggio del buco. Se davvero si vogliono dotare gli enti locali di strumenti adeguati e concreti in grado di risolvere una volta per tutte il problema del trasporto pubblico scolastico, allora bisogna ragionare su numeri diversi, più grandi, calibrati sulla domanda reale del territorio. Mettere a disposizione per le provincie di Forlì Cesena, Ravenna e Rimini solamente 12 autobus vuole dire non avere un’idea dell’emergenza in corso e del numero di studenti che ogni giorno utilizzano i mezzi pubblici per recarsi a scuola".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Forlì usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

Torna su
ForlìToday è in caricamento