Turismo, "Casa Civica" chiede il bilancio delle spese sostenute da Castrumcari

Il consorzio venne costituito con il duplice scopo di coinvolgere anche finanziariamente gli operatori economici del nostro comune e la possibilità di attingere ai contributi regionali secondo le varie leggi sul turismo che si sono succedute negli anni

Il gruppo consiliare di "Casa Civica" ha presentato un question time al sindaco di Castrocaro Marianna Tonellato nel quale si chiede il rendiconto delle spese sostenute dal consorzio di promozione turistica Castrumcari. "A metà degli anni novanta su felice intuizione dell’allora commissario governativo delle Terme di Castrocaro Spa venne costituito il consorzio di promozione turistica Castrumcari - ricordano Daniele Vallicelli, Rossella Tassinari ed Alessandro Ferrini -. Il consorzio venne costituito con il duplice scopo di coinvolgere anche finanziariamente gli operatori economici del nostro comune e la possibilità di attingere ai contributi regionali secondo le varie leggi sul turismo che si sono succedute negli anni".

"Il comune di Castrocaro Terme e Terra Del Sole - viene aggiunto - ha sempre partecipato finanziariamente al bilancio del consorzio con quote minoritarie, erano gli operatori economici e l’azienda termale che partecipavano con le maggiori risorse. Questa amministrazione comunale ha concesso al consorzio in questione ben 160mila negli esercizi 2018 (80mila euro) e 2019 (80mila fino a novembre); una quantità di risorse molto importante rispetto al bilancio del nostro comune e molto importante rispetto a quanto l’ente pubblico concedeva negli anni precedenti".

Per questo motivo "Casa Civica" chiede "a rendicontazione nel dettaglio di dove sono stati spesi gli 80mila del 2018 e gli 80mila euro fino a novembre 2019 (finanziamento manifestazioni, quali e con quanti euro, costo collaboratori, trasferte quali per chi e dove, spese amministrative, eventi organizzati direttamente, quali, ed altro)". "Alla luce dei dati sul turismo che riguardano il nostro comune, purtroppo, in caduta libera", gli esponenti dell'opposizione si chiedono "se non sia il caso di promuovere una seria riflessione sull’entità del sostegno, sugli obiettivi, le azioni e le attività del consorzio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento