menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Un anno nero": la Lega chiede riconoscimento Dop della pesca nettarina

A rimarcarlo è il consigliere regionale della Lega Nord Massimiliano Pompignoli, che martedì mattina ha depositato una risoluzione, sottoscritta anche dai colleghi romagnoli Andrea Liverani e Daniele Marchetti

“Ancora un anno da bollino nero per le produzioni frutticole della Romagna, in particolare pesche nettarine e albicocche. Complici dell’ennesima stagione di crisi, la concorrenza della Spagna, avvantaggiata da costi di mano d’opera sensibilmente inferiori ai nostri, l’embargo russo e la siccità, a cui si aggiungono problematiche strutturali della filiera produttiva”. A rimarcarlo è il consigliere regionale della Lega Nord Massimiliano Pompignoli, che martedì mattina ha depositato una risoluzione, sottoscritta anche dai colleghi romagnoli Andrea Liverani e Daniele Marchetti, in cui si evidenziano “le criticità che caratterizzano le produzioni locali di pesca nettarina. La spietata concorrenza spagnola e le temperature estive sopra la media hanno concorso ad aggravare una situazione già sufficientemente difficile che ha determinato un vero e proprio tracollo dei prezzi pagati al produttore.”

“In questo drammatico scenario, la decisione assunta dall’Unione Europea di elevare a 8.640 tonnellate – a livello nazionale – il quantitativo di pesche e nettarine da ritirare dal mercato e il riconoscimento, da parte del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, della funzione di Tutela, si sono rivelati provvedimenti purtroppo insufficienti per sostenere i produttori locali e fronteggiare la crisi del settore. Così come risulta insufficiente - aggiunge Pompignoli - la sola tutela del marchio Igp”.

Per questo motivo la Lega chiede alla Giunta Bonaccini non solo di “attivarsi, in tutte le sedi e con tutti i mezzi a propria disposizione, per tutelare il settore della peschicoltura romagnola favorendo anche l’incentivazione di nuove culture e la valorizzazione del prodotto locale” ma anche di promuovere “l’iter per il riconoscimento del marchio Dop (Denominazione di Origine Protetta) della Pesca Nettarina di Romagna”. “Si tratterebbe - conclude Pompignoli - di una misura in più per tutelare, come già riconosciuto per altri prodotti ortofrutticoli locali, la peschicoltura romagnola conservandone il valore, le competenze e l’esperienza delle aziende del territorio”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Rassodare il seno: gli esercizi push up da fare a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento