Politica

Vitali (Gioventù nazionale): "Rigenerare vecchi pc e tablet per le famiglie in difficoltà"

"L’emergenza che da mesi stiamo attraversando – afferma Alessandro Vitali, presidente provinciale di Gioventù Nazionale Forlì Cesena –  ha modificato e rinnovato la programmazione scolastica e la metodologia di lezione"

Rigenerare vecchi computer e tablet da donare alle famiglie italiane in difficoltà per la didattica a distanza. È questa la proposta che Gioventù Nazionale Forlì - Cesena, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, lancia all'amministrazione comunale forlivese.

"L’emergenza che da mesi stiamo attraversando – afferma Alessandro Vitali, presidente provinciale di Gioventù Nazionale Forlì Cesena –  ha modificato e rinnovato la programmazione scolastica e la metodologia di lezione.”

Il riferimento è alla didattica a distanza, che obbliga le famiglie a disporre di apparecchiature tecnologiche quali pc e tablet per consentire ai propri figli di seguire le lezioni da casa. 

“A causa della crisi che stiamo attraversando – prosegue Vitali – non tutte le famiglie possono permettersi di acquistare tali dispositivi elettronici. Chiediamo quindi che l’amministrazione si attivi per raccogliere pc e tablet obsoleti o rotti da privati, professionisti e aziende in modo da poterli rigenerare e prestare così supporto ai nuclei familiari che non riescono a soddisfare questa esigenza.”

Importante sottolineare come tale proposta consenta di ridurre l’impatto ambientale; riciclando queste vecchie apparecchiature si eviterà infatti che le stesse vengano poi smaltite come rifiuti, con i relativi fattori di rischio per l’ambiente. 

“E’ nei momenti di criticità – conclude Vitali – che la politica e le amministrazioni devono intervenire per il bene della comunità, prestando un occhio di riguardo alle fasce sociali più deboli. Auspichiamo che tale proposta venga accolta in modo positivo dall’amministrazione.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vitali (Gioventù nazionale): "Rigenerare vecchi pc e tablet per le famiglie in difficoltà"

ForlìToday è in caricamento