"Voto no contro gli “slogan” anticasta e a difesa del Parlamento"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Il Referendum sul taglio dei parlamentari è il prosieguo della strategia antiparlamentare del M5S, un movimento che si è sempre dichiarato per la democrazia diretta contro la democrazia rappresentativa. La piattaforma Rousseau ne è il simbolo: “… Un comunitarismo liberale abbasserebbe la temperatura. Combinerebbe lo zelo della democrazia partecipativa con la freddezza della democrazia rappresentativa (Carlo Rosselli spiegato da M. Walzer)”. Il Referendum è la conseguenza dello “slogan”: un Parlamento “da aprire come una scatola di tonno”. La legge in vigore, con un Parlamento in cui vengono cancellati 345 membri, indebolisce il rapporto tra le istituzione le elettrici e gli elettori,  indebolisce la democrazia e non, come dicono i Cinque Stelle, una vittoria della democrazia contro la casta. In alcune Regioni le forze politiche minori non saranno rappresentate, e nei collegi uninominali ogni senatore finirebbe per rappresentare circa 800 mila elettori. Questo non aiuta ad aumentare la responsabilità del parlamentare verso i i cittadini. Dopo alcuni anni di governo, prima con la Lega e poi con il Pd con risultati che definire discutibili è già un elogio, il M5S ha dimostrato di non essere un movimento democratico. La modifica della Costituzione con il taglio dei parlamentari, come proposto dal quesito referendario, è contro lo spirito della Stessa: “Perché si muova (la Costituzione) bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile, bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito”. Da repubblicano non sono disponibile all’apertura del Parlamento “come una scatola di tonno”. Quindi voto no contro gli “slogan” anticasta, contro la logica antiparlamentarista. Voto no a difesa del Parlamento dai tentativi di snaturarne la sua funzione in una democrazia". 

Antonio Zoli, Pri Forlimpopoli

Torna su
ForlìToday è in caricamento