Decreto scuola, Di Maio: "Poteri straordinari per sindaci e presidenti, procedure accelerate per far partire i lavori sulle scuole"

Dopo una lunga maratona parlamentare, è stato approvato sabato mattina il "decreto scuola". All'interno di esso vi è una norma molto importante anche per l'ambito locale, poichè assegna poteri straordinari a sindaci e presidenti di provincia per effettuare i lavori di edilizia scolastica

A spiegarlo è il deputato romagnolo Marco Di Maio. "Fino al 31 dicembre 2020, al fine di garantire la rapida esecuzione di interventi di edilizia scolastica - spiega -, i sindaci e i presidenti delle province e delle città metropolitane operano con i poteri dei commissari straordinari previsti per interventi infrastrutturali ritenuti prioritari. Sul modello, per intenderci, utilizzato per la ricostruzione del ponte di Genova".

"Ora che le scuole sono chiuse - fa notare il deputato - si potranno aprire i cantieri per poter apportare tutta una serie di interventi propedeutici all’apertura del prossimo anno scolastico a settembre: dalla riorganizzazione degli spazi, alla messa in sicurezza dei nostri ragazzi, docenti e personale scolastico”.  

“Con l’inserimento della nostra proposta nel Decreto gli amministratori locali avranno a disposizione uno strumento in più per intervenire sulle scuole - spiega ancora il deputato - e gestire direttamente le situazioni più complicate, con poteri commissariali che consentiranno di superare i molti ostacoli burocratici che spesso rallentano la partenza dei lavori".

Una possibile importante non solo per l'edilizia scolastica. "Vorrei sottolineare - afferma ancora il deputato - l'opportunità economica offerta da questa norma, perchè permetterà ai territori di sbloccare più facilmente i cantieri. Con altri provvedimenti, poi, vengono aggiunte risorse per la sistemazione delle scuole, a partire dai 331 milioni previsti dal 'decreto rilancio'".

Il decreto approvato, ammette il parlamentare, "non è il provvedimento che cambierà la vita della scuola italiana, come invece ci auguriamo si decida al più presto dando garanzie sulle modalità e i tempi che assicureranno la ripartenza dell'anno scolastico a settembre. Ne hanno bisogno i ragazzi, le famiglie, i docenti e il personale non docente. Tuttavia senza la sua approvazione si sarebbe messa a rischio la corretta conclusione dell'anno scolastico e il regolare svolgimento degli esami di maturità".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento