5 espressioni intramontabili del romagnolo doc

A giudicare da certe parole di uso comune, quasi non si direbbe che il nostro dialetto è in pericolo: ecco 5 semplici espressioni dialettali tipiche della Romagna che non siamo ancora pronti ad abbandonare!

Spesso non ci si fa caso, perché abbiamo l'orecchio abituato a sentire spesso queste parole, o a non trovarle particolarmente inusuali, ma senza dubbio basta spostarsi un poco più a sud di Rimini, o un po' più a nord di Faenza, per rischiare lo "shock culturale": ecco 5 espressioni dialettali tipiche della Romagna che non siamo ancora pronti ad abbandonare!

1. Ma va là!

Espressione praticamente universale, che funziona benissimo quando vuoi rispondere "figurati!" a chi ti ringrazia, o per esprimere scetticismo a una notizia, ma anche per rispondere negativamente a una dichiarazione o a un'espressione di dubbio. Se si toglie il "ma" iniziale, invece, diventa un'esortazione, un "per favore": "Passami le forbici, va là".

2. Cio

Spesso preceduto da un liberatorio "Uei", il termine "cio", come "ma va là", è un'espressione piuttosto diffusa e spesso è espressione di impotenza e di incapacità di rispondere o proporre un'alternativa, non solo perché non si hanno le parole, ma anche in tono un po' sarcastico perché la risposta è abbastanza evidente. Qualcuno ti chiede un favore a cui non puoi sottrarti ma che ti mette in difficoltà? Un bel "uei, cio..." è il modo perfetto per fargli capire che acconsentire ti crea un problema, ma che non puoi evitare di dire di sì. 

3. Pida

Insieme a cappelletti e ragù, la piadina (qualunque sia la farcitura) è pasto universale del romagnolo d.o.c. Ma chiamarla con la terminologia romagnola è tutta un'altra cosa, vero?

4. Patàca

Tutti ne conosciamo uno, o almeno una volta nella vita abbiamo dovuto affrontare la dura realtà che il patàca siamo stati noi. Il famigerato "momento del patàca" è proprio quella circostanza in cui, per distrazione, fatalità o scarsa intelligenza, ci si ritrova a fare qualcosa di stupido, di cui non ci si rende conto sul momento. 

5. Fata ròba

In Romagna se ne sentono sempre di tutti i colori, e "fata ròba" è sempre la risposta giusta per esprimere sorpresa, ma anche una benevola sconsolatezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bonus: Fata...

Ci sono anche altre parole, che si accompagnano a "fata", spesso per descrivere una persona noiosa e fastidiosa in modo non proprio "signorile"... senza dubbio conoscete anche queste!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

  • Tre notti al freddo dopo la scivolata nei boschi, la storia del tartufaio: "Il mio cane non mi ha abbandonato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento