Musica

A 16 anni ha già un album autobiografico: "Ho trasformato la sofferenza in musica. Bisogna sognare"

Per Edoardo Di Tondo, cantautore forlivese di 16 anni, è arrivato il momento dell'uscita del primo album, che prende il nome dal singolo "Sogni"

Il colpo di fulmine con la musica è scoccato in tenera età, "quando mia madre ascoltava in auto le canzoni di Baglioni". Per Edoardo Di Tondo, cantautore forlivese di 16 anni, è arrivato il momento dell'uscita del primo album, che prende il nome dal singolo "Sogni", già online sulle piattaforme digitali dal 17 gennaio. "In appena due settimane ha ottenuto oltre 25mila streaming - evidenzia con orgoglio il 16enne -. Il 23 gennaio è uscito anche il videoclip realizzato da Walter Molfese per la regia; Michele Guidotti, Luca Casadei per la parte fotografia, a cui aggiungo un ringraziamento ai ragazzi di Deposito Zero Studios di Forli, che si sono prestati super disponibili per questo progetto. Il video ha raggiunto su YouTube più di 15mila visualizzazioni, ed è stato ricondiviso nella pagina Spotify Italy su Instangram da oltre 300mila follower".

L'album, che uscirà venerdì, spiega Di Tondo, "racconta i sogni che ciascuna persona ha nella propria vita"; un progetto nel quale c'è tanto di personale: "Sono una persona che ha sempre avuto difficolta negli affetti, proprio per questo ho voluto scrivere queste parole per vedere se davvero c'è qualcun'altro che possa sognare tramite le mie canzoni". Sono dieci le tracce: "Sogni", "Sabato sera", "Malinconico", "Mi chiederai", "Un giorno", "Ogni notte", "La mia storia", "Mamma" e "Ieri". Ma c'è un brano, terza traccia dell'album, particolarmente autobiografico e a cui il 16enne è molto legato, "Solo": "Tante persone al giorno d'oggi non si sentono felici, non apprezzano quel poco che hanno, ed è una cosa che ho imparato anch'io da poco".

Dall'esperienza di "Solo" è partita l'elaborazione di un libro, "proprio per far capire alle persone che bisogna stare solo in un luogo dove ci si senta valorizzati e con le persone giuste. Vorrei chiamarlo "Non sono solo" ed è ispirato da molte storie vere alle mie spalle di cui ho sofferto tanto e che voglio condividerle per aiutare il prossimo". Altri progetti per il futuro riguardano la realizzazione del videoclip di "Ieri", secondo singolo dell'album, con "Walter Molfese Videomaker".

Edoardo Di Tondo-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A 16 anni ha già un album autobiografico: "Ho trasformato la sofferenza in musica. Bisogna sognare"
ForlìToday è in caricamento