rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
social

Da Forlì verso Sanremo con un brano sui disturbi alimentari: ecco la forlivese ispirata dalla Monnalisa

Si è conclusa la fase eliminatoria di Area Sanremo 2022, il concorso gratuito che fa accedere 4 artisti emergenti alla serata finale di Sanremo Giovani: una forlivese corre per arrivare sul palco

E' pronta ad esibirsi davanti ad Amadeus per giocarsi l'accesso a Sanremo Giovani. Da 500 sono diventati 46 i giovani talenti in gara, tra i quali anche una forlivese, che, come lei stessa racconta, si si ispira alla Monnalisa: come la tela di Da Vinci, “per quanto piccolina, vorrei che tutti venissero a vedermi”. Appassionata di musica sin da piccola, la 19enne Elisa Malpezzi, in arte si presenta prorprio come MonnaElisa, toccando, nella sua canzone, un tema molto forte e sentito: quello dei disturbi alimentari. 

Si è conclusa la fase eliminatoria di Area Sanremo 2022, il concorso gratuito che fa accedere 4 artisti emergenti alla serata finale di Sanremo Giovani. Le fasi finali del concorso si terranno sabato e domenica prossimi.  I finalisti di Area Sanremo 2022, che saranno proclamati dalla stessa Commissione di valutazione insieme ad Amadeus, avranno la possibilità di sostenere un’audizione davanti alla Commissione Musicale RAI, che decreterà i 4 artisti vincitori che poi parteciperanno alla serata finale di Sanremo Giovani.

Malpezzi è prodotta da Andrea Marelli, musicista ex membro dei Vicolo Davì, proproetario del Demodè a Forlì, che ha trovato questa 19enne sulla sua strada. “Abbiamo messo giù un percorso di mangement etico, l'iter scolatico, l'attenzione alla famiglia e la centralità dell'artista sono contrattualizati”, spiega. 

Elisa, quando hai iniziato a fare musica?
Da quando avevo 5 anni e mezzo, per10 anni ho studiato chitarra, poi ho fatto 3 anni di canto. Ho sempre amato la musica. Mi esibisco nei locali dalla terza media, prima con una band

Da dove viene il nome d'arte di MonnaElisa?
In terza media sono andata in Francia, sono appassionata di arte, infatti studio al Dams. Ero molto curiosa di vedere il quadro di Da Vinci al Louvre e sono rimasta impressionata quando l'ho visto così piccolo, con tutta quella gente davanti. Allora ho pensato che io volevo essere così: per quanto piccolina, vorrei che tutti mi venissero a vedere

Come è iniziato il percorso che ti ha portata a Sanremo? 
Lo scorso inverno ho incontrato Andrea, proprietario del Demodè, lui mi aveva visto su Intagram, mi ha chiesto di suonare nel suo locale ed e è nata una grande amicizia. Ha organizzato il progetto Long train running al quale ho partecipato. Io ero in un momento di crisi totale a livello musicale, da una parte volevo mollare, dall'altra cercavo qualcuno che mi spronasse. Ho iniziato a lavorare a Marzo con Andrea, chiedendo che mi seguisse perchè avevo tanta fiducia in lui. All'inizio mi ha detto di no, poi ci ha ripensato

E cosa è successo a quel punto?
Abbiamo iniziato a lavorare legati ad un produttore di Roma, Matteo Giannaccini Gravante e finalmente mi sono sentita capita ed assecondata, abbiamo prodotto “Caffè” e poi “Gaia”, che è la canzone che ho deciso di portare ad Area Sanremo

Ci parli di questi due brani?
“Caffè” è una canzone leggera, scritta in un momento di 'scazzo totale', quando ero arrabbiata con tutto e tutti, che mi è servita per alleggerirmi. “Gaia” (nome di fantasia ndr) è invece una canzone che ho scritto un anno e mezzo fa, alla quale tengo tantissimo, perchè parla di disturbi alimentari. La mia migliore amica, ai tempi, soffriva di anoressia, eravamo molto legate ed io soffrivo per lei. La canzone racconta di un un mix tra me e lei, volevo farle un regalo. In questo brano si può rivedere chiunque della mia età perché, come sappiamo, con il Covid i disturbi alimentari sono aumentati, volevo dare il mio contributo

Come è andato il primo provino a Sanremo?
Dovevo portare “Caffè”, ma all'ultimo ho deciso di cambiare e quando sono entrata ho chiesto alla commissione se potevo cantare “Gaia”.  E' piaciuta tanto, sono stati molto incuriositi e mi hanno fatto domande

Qual è il prossimo passo? 
Venerdì dobbiamo essere a Sanremo, ci stiamo preparando. Mi esibisco davanti ad Amadeus. Se passo,  sarò tra i 20 che faranno ulteriori provini per selezionare i 4 che poi saliranno sul palco di Sanremo Giovani

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Forlì verso Sanremo con un brano sui disturbi alimentari: ecco la forlivese ispirata dalla Monnalisa

ForlìToday è in caricamento