rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Giovani

Studia all'Aeronautico, ma la sua grande passione è la scrittura: a 19 anni pubblica il suo primo romanzo

Un autentico amore quello maturato negli anni da Anita Maiorana, che si è concretizzato nel suo primo libro

Ha 19 anni. Il prossimo anno si diplomerà all'Istituto Tecnico Aeronautico "Francesco Baracca" di Forlì, ma coltiva una grande passione: la scrittura. Fogli bianchi che prendono anima, parole su parole. Un autentico amore quello maturato negli anni da Anita Maiorana, che si è concretizzato nel suo primo libro: "La Maledizione Perduta". Anita è una ragazza particolarmente attiva, che dà concretezza ai suoi desideri. "Amo viaggiare, sia in Italia che all’estero, e il viaggio più bello che ho fatto fino ad ora è stato senza dubbio in Florida, a Miami", racconta di sè.

Ma non adora solo scoprire nuovi paesaggi e culture: "Mi piace molto anche posare per gli shooting fotografici - confessa -. Infatti ho posato a Roma e Milano e attualmente lavoro con un’agenzia di moda che mi presenta direttamente ai casting e agli shooting". Benchè iscritta ad un istituto tecnico, la grande vocazione di Anita è quella per la scrittura: "Scrivo da quando avevo sette anni e ho sempre sognato di diventare una scrittrice".

Il primo spunto a quattordici anni, quando, racconta, "ho iniziato a scrivere una FanFiction su Wattpad, un sito per aspiranti scrittori e lettori, riuscendo a raggiungere le 140mila letture". E così, acquisendo sempre più esperienza, è arrivato il primo elaborato: "A febbraio ho scritto il mio primo romanzo vero e proprio, che è stato pubblicato lo scorso ottobre". "La Maledizione Perduta", il titolo dell'opera: "E' un racconto fantasy che narra e mette in luce non solo le ingiustizie del mondo, ma anche la bellezza dei sentimenti. Dall'amore all'amicizia e alla purezza d’animo". Un libro quindi tutto da sfogliare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studia all'Aeronautico, ma la sua grande passione è la scrittura: a 19 anni pubblica il suo primo romanzo

ForlìToday è in caricamento