← Tutte le segnalazioni

Altro

In ricordo di Leonello Flamigni: "La comunità forlivese ha perso un vero cronista di razza"

"L'incontro accadde all'uscita di un supermercato di Forlì, ci guardiamo e “ Leo! E lui “Pippo!”. Erano anni e anni che non ci incontravamo. C'eravamo conosciuti negli anni 70, quando io ero alla Squadra mobile della Questura di Forlì e lui un cronista, se non erro del Resto del Carlino. Leonello Flamigni, sbalordito nel vedermi, subito: “ Ma che fine hai fatto?” “Sei Sparito!”. Gli raccontai d'essere andato a lavorare alla Squadra Mobile di Palermo, dove ebbi modo di collaborare con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. E, che l'esperienza palermitana era stata funestata da episodi tragici, con la morte di 5 colleghi facenti parte della mia stessa Sezione e assassinati da Cosa nostra. Di seguito quei tristi fatti, fui rimandato nuovamente alla Mobile di Forlì. Di seguito Falcone creò la DIA, Direzione investigativa antimafia e fui chiamato a farne parte, andando a Roma. Gli raccontai per sommi capi la mia esperienza lavorativa, con un viaggio a New York in collaborazione con l'FBI e sino all'ultimo venerdì di lavoro insieme a Paolo Borsellino. Era il 17 luglio 1992. Leonello, dopo aver ascoltato le mie parole, mi chiese di scrivere un libro insieme a lui, e così fu. Per indole, difficilmente mi “apro” con le persone, ma con Leonello avvenne in modo del tutto spontaneo. Mi potevo fidare di Leo - cronista di razza -. Senza remore gli raccontai i retroscena di numerose operazioni contro Cosa nostra, perchè ero sicuro che giammai l'avrebbe “spifferato”.

Volle sapere dettagli- rimasti inediti - del mio rapporto di collaborazione con Falcone, Borsellino e Tommaso Buscetta. Io e Leo ci incontravamo spesso al bar. Ci cercavamo e stavamo ore a parlare. L'ultima volta che ci siamo visti è stato qualche giorno prima del lockdown, nel bar della piscina comunale: aveva tanti progetti Leo, come quello di scrivere un libro sulla morte di Raul Gardini. Leonello, da quell'incontro al supermercato, mi invitò spesso negli studi televisivi di Forlì e Imola, insieme al nostro comune amico e giornalista Pietro Caruso, per far conoscere la crudeltà della mafia. Mie fece partecipare alle sue rubriche televisive, anche con Questori di Forlì e Assessori. Leonello, come un puro cronista, venne alla scuola media Zangheri e fece un servizio sulla mia “lezione” di mafia. Ora ho perso un caro amico. Un amico a cui ero legato con affetto e sincerità. La comunità forlivese ha perso un vero cronista di razza: una penna che ha saputo descrivere la società forlivese con schiettezza e onestà. Leo, la sera di mercoledì scorso, commentando la diatriba tra Nino Di Matteo e Alfonso Bonafede in un mio post su Facebook, ha scritto “ Bonafede. Nomen omen?”. Ora non commenterai più Leo. Caro Leo, mi mancheranno i nostri “caffè” con annesse chiacchierate e i tuoi commenti. Alla famiglia di Leonello Flamigni le mie sentite condoglianze.

Nella foto Pippo Gioardano con Leonello Flamigni

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento