← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Invertite le cartelle mediche, arriva a casa con l'ambulanza l'anziana sbagliata

Via Carlo Forlanini · Vecchiazzano

Spiega la segnalazione del cittadino:

Forlì eccellenza nella sanità può essere, ma capita (è capitato a mia madre ) che un paziente venga scambiato in ambulanza. Incredibile ma vero, anche un po’ divertente, se non fosse che stiamo parlando di una donna di 93 anni con varie patologie allettata. Il 7 settembre dopo una visita del medico di base viene ritenuto di richiedere ambulanza e trasporto al pronto soccorso cittadino per sospetto ictus alle ore 14,30. Fortunatamente alla fine dopo ore ed ore (non attribuisco a nessuno delle colpe per i ritardi ci saranno state emergenze) viene deciso di dimetterla, ma occorre una ambulanza visto che la paziente è allettata ed invalida civile al 100%. Siamo verso le 23,30. Alle 2 del mattino del 8 settembre nessuna notizia ero stato invitato a tornare a casa sarei stato avvisato con una telefonata della partenza dell’autoambulanza. Alle 2,30 arriva l'ambulanza senza telefonata di preavviso, ma abbiamo sentito il mezzo in manovra e siamo andati incontro al personale io e mio fratello, immaginando di dover dare una mano al trasporto al primo piano (come sempre). Ma sorpresa, la signora all’interno della ambulanza non era la mamma ma un'altra signora la cartella medica era giusta, ma la persona no! Lo sconcerto del primo istante è stato sopravvenuto dalla rabbia per essere stati vittima di un disservizio assurdo ed inimmaginabile . Prontamente chiamiamo il ps dopo vari minuti di attesa una infermiera si scusa (neanche tanto), minimizza il fatto (neanche si trattasse di una persona) e dice che la mamma è li con loro in attesa del trasporto che doveva essere riprogrammato! Conclusione la mamma (quella giusta) è stata accompagnata alle 4 del mattino, dalle 14,30 del giorno prima quindo dopo 13 ore e mezzo. Spero solo che non capiti ad altri questa bruttissima esperienza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • EROI... già....E-R-O-I, è una parola che fino a qualche mese fa sentivamo spessissimo, poi i media pian piano hanno smesso di usarla, ma quelle persone che fino a ieri, ma anche oggi, si adoperavano per soccorrere coloro che stavano male a causa del covid, ma non solo, dove sono finite? Saranno mica tornate su Marte? Beh NO, sono sempre li, sono sempre loro, umani con le loro difficoltà. Noi abbiamo dovuto cambiare un po' le nostre abitudini, loro l'impegno e il modo di lavorare, in funzione anche delle irresponsabilità di coloro che in questo periodo se ne stanno fregando di tutto, ma poi pretendono. Non solo, tutto ciò si ripercuote pesantemente anche nella loro vita familiare dalla quale vengono in gran parte sottratti. Sono le stesse persone che fino a ieri erano considerate i fannulloni della pubblica amministrazione, ai quali è stato bloccato il contratto per quasi 10 anni, ma che poi , alla prova dei fatti, quando effettivamente c'è stato bisogno, c'erano...C'ERANO!!!! Ma tranquilli, abbiamo la memoria corta e appena sarà finito tutto torneranno ad essere i fannulloni ai quali sottrarremo risorse appena potremo... Per questo sono doppiamente EROI.... o COGLIONI.. dipende dai punti di vista. Un errore? e chi non li fa... E' stato piacevole?...sicuramente no, ma chi è che non sbaglia? In questo mondo malato le cose non sono vere se non sono scritte in qualche social piuttosto che in una qualsiasi piattaforma digitale sentiamo il bisogno pubblicare e condividere tutto, prima ancora di capire il problema, capire il contesto, comprendere e perchè no, proporre. No, troppo difficile, poi non va più di moda e lo vediamo tutti i giorni sui mass media. Alla famiglia di questa mamma va inevitabilmente tutta la mia solidarietà, non tanto per l'accaduto specifico, ma per la situazione generale che stanno vivendo. Penso anche che nell'articolo manchi tutta la parte relativa all'assistenza ricevuta, ci ricordiamo spesso di ciò che non va, mentre tutto ciò che funziona è considerato dovuto, anche un semplice sorriso...

    • Sono d'accordo con lei sig. Andrea Così come penso che se pur certi errori non dovrebbero accadere, alle 2.30 del mattino..... è dura essere sempre infallibili

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento