rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cultura

Stagione conclusa, è tempo di bilanci per il Teatro Testori: 47 spettacoli, incremento di pubblico

Cruciali e seguitissime sono state anche le attività articolate intorno al cartellone principale - alcune consolidate, altre proposte come novità di questa stagione

Con “Edipo a Colono”, si è chiusa la stagione del Teatro Testori, storica sede del Centro di produzione teatrale Elsinor, che dal 2018 è anche proprietario dello stabile di viale Vespucci. Una stagione intensa, che ha visto ben 47 spettacoli nelle diverse rassegne per pubblici di tutte le età, oltre a numerose altre attività. 

Teatro di prosa, spettacoli per le scuole e le famiglie

La scuola del teatro, rassegna dedicata alle scuole di ogni ordine e grado, ha portato in città numerose proposte tratte dal meglio della produzione nazionale rivolta alle nuove generazioni, inclusi gli spettacoli Premio Eolo “Storia di un no”, “Racconto alla rovescia”, “Esterina Centovestiti”, oltre a classici come “Perché” di Silvano Antonelli, o la recente regia di Bruno Stori “Grogh, storia di un castoro”, tratta dal testo del maestro Alberto Manzi. 

La rassegna domenicale per le famiglie è partita col tutto esaurito del mago delle bolle Michele Cafaggi: uno spettacolo che portava in scena davanti agli spettatori di tutte le età un’intera orchestra, quella di Accademia InArte; un’occasione creata ad hoc non solo per il pubblico ma anche per i giovani artisti forlivesi, nel solco di un percorso di relazione col territorio che prosegue già da anni con crescente impegno e risultati. Seguitissimi anche gli appuntamenti successivi, tra i quali menzioniamo il Premio Vimercate “Esercizi di Fantastica”, che ha portato al pubblico più giovane l’incanto del linguaggio della danza. 

"La stagione serale, iniziata con l’anteprima speciale di “Grande Nulla Agricolo”, che ha portato a Forlì pubblico da tutta Italia per una maratona di spettacoli, ha visto anche quest’anno un incremento di pubblico, che ha particolarmente affollato le serate di “Sei Personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello” e “Mettiamoci all’Opera ovvero Le nozze di Figaro” - spiegano gli organizzatori -. Grande attenzione hanno riscosso anche gli spettacoli a capienza limitata, esperienze speciali che permettono una relazione diversa e intima con l’evento teatrale “Un canto di Natale” in versione site specific, “Makàni. Storie di vento” e altri ancora". 

Laboratori, progetti e produzioni internazionali 

Cruciali e seguitissime sono state anche le attività articolate intorno al cartellone principale - alcune consolidate, altre proposte come novità di questa stagione: la formazione per insegnanti, i progetti dentro le scuole, i laboratori teatrali (per bambini, adolescenti e adulti), la bottega di scrittura del Club dei Copioni condotta da Federico Bellini, il laboratorio con la celebre illustratrice Marianna Balducci (Premio Andersen 2023 per “Io sono foglia”), il progetto ‘Sai cosa ho visto a teatro?’, i percorsi dedicati alla fascia di età 1-4 anni con spettacoli a scuola e in teatro, gli appuntamenti di formazione per educatrici ed educatori dei piccolissimi, nonché le residenze artistiche, il festival Lucy di Sblocco5 dedicato a teatro e nuove tecnologie, “Materia di Prodigi - Città di Forlì” festival nazionale curato da FoEmozioni. 

Grande come sempre anche l’impegno sul versante internazionale: il Testori è infatti coinvolto in ben 3 progetti europei - due di larga scala sotto Europa Creativa, “PlayOn” e “ConnectUp”, e uno per Erasmus+, “Chasing the Wind”.  In questa cornice di collaborazioni con l’Europa e il resto del mondo, a febbraio il team artistico di Elsinor è stato in visita a Honolulu per l’inizio della coproduzione con la compagnia hawaiana Honolulu Theatre for Youth; a marzo le prove sono proseguite a Forlì, dirette Annie Cusick Wood (vincitrice di un Emmy Award nel 2020), che ha firmato la regia dello spettacolo “Makàni. Storie di vento”, presentato in anteprima per famiglie e scuole di Forlì, per poi debuttare al Festival Segnali di Milano. Lo spettacolo sarà inoltre ospite, a giugno, del Festival Internazionale di Bialystock Theatre, in Polonia.

Il tema del vento è stato anche al centro, ad aprile, del grande incontro di giovani “Chasing the Wind”, una settimana di laboratori creativi per ragazzi e ragazze, tra teatro, movimento, musica e canto, sotto la guida di un team di artisti professionisti da diverse parti del mondo.  L’evento ha portato a Forlì giovani, artisti e direttori di teatri e festival da Austria, Croazia, Germania, Inghilterra, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovenia, ma anche da Canada e Australia, coinvolgendo inoltre un gruppo di studenti dell’Istituto Ruffilli e diverse classi che hanno partecipato a un momento di condivisione del lavoro.  

Una stagione partecipata riassunta in una video-esposizione

Una video-esposizione ora metterà insieme una carrellata di immagini tratte dall’intera stagione, per celebrarne il successo, che conferma la vitalità del Teatro Testori e la sua vocazione a essere fucina creativa e punto di riferimento artistico e culturale in città, in costante e fecondo dialogo con il territorio. E in una stagione così partecipata, che ha visto il successo di diversi progetti creati in sinergia con enti e realtà cittadine, non poteva mancare il coinvolgimento del pubblico: anche il pubblico, infatti, è invitato a inviare contributi (immagini o brevi testi su quanto visto in scena), scrivendo a progetti.teatrotestori@elsinor.net o inviando un messaggio whatsapp al numero 375 8349548 entro il 2 giugno. L’esposizione sarà fruibile dall’esterno del teatro, anche in orario di chiusura, a partire dal’8 giugno e per tutta l’estate. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagione conclusa, è tempo di bilanci per il Teatro Testori: 47 spettacoli, incremento di pubblico

ForlìToday è in caricamento