rotate-mobile
Il mercato contadino

Da viale Bologna a viale dell'Appennino: si trasferisce il mercato degli agricoltori

Secondo recenti dati diffusi da Coldiretti-Noto Sondaggi, più del 60% della popolazione ha effettuato almeno un acquisto presso un mercato contadino nel corso del 2024, confermando così la crescente tendenza verso l'acquisto diretto dai produttori agricoli

Nuova casa per il mercato degli agricoltori di Campagna Amica. L'attività di viale Bologna 75 si trasferisce nella nuova sede centrale di viale dell'Appennino 16, dove sarà possibile acquistare prodotti a chilometro zero. "Questo spostamento consentirà una maggiore accessibilità e visibilità per i consumatori, contribuendo ulteriormente a promuovere l'importanza dell'acquisto diretto dai produttori agricoli", spiegano da Coldiretti Forlì-Cesena.

Dopo quasi sei anni di intensa attività lungo la Via Emilia, il Mercato di Campagna Amica inizia un nuovo capitolo della sua storia. "Il Mercato di Campagna Amica ha rappresentato per anni un punto di riferimento per i cittadini di Forlì e delle zone circostanti, offrendo una vasta selezione di prodotti freschi, stagionali e a km0 direttamente dai produttori agricoli locali - afferma Massimiliano Bernabini, presidente di Coldiretti Forlì-Cesena -. Negli anni il mercato si è mantenuto saldo e attivo nella sua sede, ed ha affrontato sfide significative, compresa la pandemia globale che ha richiesto l'adattamento delle modalità di vendita e la messa in atto di servizi di ritiro e consegna a domicilio per garantire la continuità delle forniture alimentari, ma non sono stati solo gli eventi globali a mettere alla prova la resilienza del Mercato di Campagna Amica. L'alluvione che ha colpito la Romagna nel maggio del 2023 ha causato grandi danni anche alla struttura del mercato, costringendo alla chiusura temporanea per consentire le operazioni di ripristino. Tuttavia, il mercato e tutti gli imprenditori agricoli che ne fanno parte, lo rappresentano e lo sostengono, ha dimostrato la sua forza e determinazione, riprendendo le attività dopo solo qualche settimana di pausa per raccogliere le forze e ripartire con rinnovato impegno”.

“Oggi, il Mercato di Campagna Amica – continua il direttore di Coldiretti Forlì-Cesena Alessandro Corsini - guarda al futuro con aspettativa, trasferendosi nella nuova sede centrale in Viale dell'Appennino 16, situata nel cuore pulsante della città, alle porte del polmone verde rappresentato dal Parco Urbano, sostiene sempre di più il proprio territorio. Questo nuovo spazio offre non solo una maggiore accessibilità e visibilità per i consumatori, ma anche l'opportunità di ampliare sempre più l'offerta, promuovere una filosofia di benessere psicofisico legato al consumo di prodotti freschi, stagionali e locali, incontrare la cittadinanza con attività programmate che partono dai più piccoli ma coinvolgono tutti i cittadini”.

La proposta del Mercato di Campagna Amica non si limita alla semplice vendita di prodotti alimentari, ma si estende a una visione più ampia di salute e sostenibilità. I produttori presenti al mercato, tutti iscritti al circuito Campagna Amica, sono selezionati con cura per garantire la massima qualità e trasparenza, promuovendo pratiche agricole rispettose dell'ambiente e del benessere degli animali. Nonostante il cambiamento di sede, il Mercato di Campagna Amica continuerà ad osservare gli stessi giorni di apertura, accogliendo i cittadini di Forlì e dintorni ogni venerdì e sabato mattina dalle 8 alle 13.30. Questo orario rimane fedele alla tradizione del mercato e permette ai consumatori di fare la spesa con calma e tranquillità, godendo dell'atmosfera unica e accogliente che contraddistingue gli spazi a marchio Campagna Amica.

L'acquisto a km0

Secondo recenti dati diffusi da Coldiretti-Noto Sondaggi, più del 60% della popolazione ha effettuato almeno un acquisto presso un mercato contadino nel corso del 2024, confermando così la crescente tendenza verso l'acquisto diretto dai produttori agricoli. Questi mercati, noti come farmers market, sono diventati un appuntamento fisso per la spesa dei cittadini, accanto ai tradizionali supermercati e negozi di vicinato. L'analisi condotta da Coldiretti-Noto Sondaggi, basata sui dati Istat sul commercio al dettaglio di febbraio, evidenzia una crescita del 3,9% del valore dei beni alimentari e dello 0,4% del volume. Questo trend positivo è trainato principalmente dalla fiducia dei consumatori nella salubrità e nella trasparenza dei prodotti acquistati direttamente dal produttore.

Secondo quanto emerso dall'analisi, il 73% degli intervistati ritiene che acquistare direttamente dall'agricoltore sia la forma più sicura di approvvigionamento alimentare, posizionando i mercati contadini al primo posto tra tutte le forme di distribuzione, seguiti dai mercati contadini rionali (69%), dai negozi di vicinato (56%) e dai supermercati e ipermercati (48%). In coda alle preferenze si colloca il web, con solo il 19% degli italiani che si fida del cibo acquistato online.

"Al fine di garantire una maggiore trasparenza sull'origine dei prodotti alimentari, Coldiretti ha avviato la campagna "No Fake in Italy"- spiega il direttore della Federazione Coldiretti di Forlì-Cesena, Alessandro Corsini - promuovendo una raccolta di firme per una legge europea di iniziativa popolare volta a estendere l'obbligo dell'indicazione dell'origine su tutti i prodotti alimentari in commercio nell'Unione Europea".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da viale Bologna a viale dell'Appennino: si trasferisce il mercato degli agricoltori

ForlìToday è in caricamento