rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
publisher partner

Gestire la sicurezza in città in maniera innovativa

A Forlì gli abitanti possono segnalare in pochi passaggi situazioni di pericolo direttamente alla Polizia Locale

Parlare di sicurezza urbana significa far riferimento a tutti quegli aspetti come prevenzione e capacità di affrontare le situazioni di degrado e pericolo che, in primis, sono vissute dai cittadini. La percezione della sicurezza influisce inevitabilmente sulla vita in un determinato luogo, quartiere o zona, e spesso il tema è al centro dell’agenda politica. Ma questo è un problema che non può essere gestito solamente da un punto di vista repressivo. Ecco perché bisogna affrontarlo in maniera innovativa, coinvolgere attivamente gli abitanti e utilizzare le migliori tecnologie a disposizione.

Un’app per segnalare situazioni di pericolo

Un esempio virtuoso in questo senso è il progetto del Comune di Forlì, che insieme con l’ente Forlì Mobilità Integrata (FMI) ha deciso di lanciare l’app “Falco – Città protetta”: un software per dispositivi mobili che ha l’obiettivo di avvicinare i cittadini alla Polizia Locale, permettendo una comunicazione più immediata e semplice. 

Attraverso l’app, infatti, gli abitanti di Forlì possono segnalare situazioni di degrado e di pericolo, condividendo eventualmente anche immagini con le forze dell’ordine. Tutto questo è possibile grazie a un sistema integrato di 360 telecamere, droni e servizi di geolocalizzazione che consente all’utente di comunicare direttamente con la sala di controllo, verificare i percorsi più sicuri e richiedere un intervento.

L’utilizzo di Falco non sostituisce, ovviamente, le chiamate al 112. Quest’ultima resta la modalità principale per richiedere immediato ausilio in caso di emergenza. Ma, grazie agli alert georeferenziati inviati dai cittadini, le forze dell’ordine possono monitorare in tempo reale la situazione e predisporre un controllo.

Migliore comunicazione, più sicurezza

Il sistema Falco, inoltre, non traccia alcun dato degli utenti e non memorizza nessuno spostamento. L’unica informazione temporaneamente salvata dall’app è il numero di telefono di chi effettua una segnalazione, affinché possa essere ricontattato in caso di eventuale necessità. Successivamente il numero viene cancellato dagli archivi.

Nell’ottica di una città più sicura e attenta alle esigenze dei cittadini, il Comune di Forlì ha da tempo intrapreso una partnership con Motorola, al fine di migliorare il sistema di videosorveglianza, ora implementato con Falco. Come evidenzia il vicesindaco Daniele Mezzacapo, la città vuole essere “un esempio nel processo di modernizzazione e integrazione tecnologica: l’obiettivo è rendere la comunicazione con la cittadinanza più semplice, efficace e veloce”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ForlìToday è in caricamento