menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Gubbio una stupidaggine costa cara agli Aquilotti

Partita tiratissima che alla fine finisce per premiare il Gubbio quando pareva che il Forlì potesse fare bottino pieno. Il Gubbio schiera a tempo pieno l’ex All Black Mc Donnel a n° 8 e il suo peso si rivelerà alla fine decisivo

Partita tiratissima che alla fine finisce per premiare il Gubbio quando pareva che il Forlì potesse fare bottino pieno. Il Gubbio schiera a tempo pieno l’ex All Black Mc Donnel a n° 8 e il suo peso si rivelerà alla fine decisivo.La partita inizia col Forlì in attacco che sciupa un paio di buone occasioni e passa al 10° con giardini che trasforma una punizione (0 – 3). Il Gubbio si presenta in attacco e concretizza con un calcio piazzato del suo cecchino. (3 – 3).

Di nuovo Giardini al 20° riporta avanti gli ospiti con un altro piazzato ma al 33° è il Gubbio che con una rolling maul devastante ad andare in meta. Segue l’immancabile trasformazione. (6 – 10) Prima della fine del tempo ancora Giardini mette 3 punti per il parziale di 9 a 10. La partita è evidentemente aperta anche se il Gubbio denota una discreta supremazia in rimessa laterale e nelle rolling maul.Al 2° della ripresa l’All Black di Gubbio recupera un calcio di liberazione sbilenco e si invola da centrocampo saltando i biancorossi come birilli concludendo in meta. (9 – 17). I biancorossi reagiscono e Nicola Marzocchi sfrutta bene un calcio a seguire per andare a schiacciare tra i pali. Giardini trasforma e si va sul 16 a 17. Di nuovo però il Gubbio si insedia in attacco e l’apertura umbra centra prima un difficilissimo drop e poi un altro calcio di punizione (16 – 23).

A seguito di un fallo per gioco pericolose Mc Donnell viene espulso per 10 minuti e in un attimo la partita cambia. Il Forlì si lancia in attacco, accorcia con un altro piazzato di Giardini, e dopo avere spostato il gioco da destra a sinistra coi tre quarti e ancora a destra va in meta con Mori sulla bandierina per il vantaggio di 24 a 23. Ancora in attacco il Forlì sfrutta un errore di liberazione dei padroni di casa e Nicola Marzocchi segna sotto i pali. Giardini trasforma. (23 – 31). Sembra fatta ma ci sono ancora cinque minuti da giocare.

L’All Black rientra e i suoi riprendono coraggio. Prima accorciano con un altro piazzato (26 – 31) e proprio all’ultimo minuto a seguito di una stupidaggine enorme dei forlivesi ottengono una punizione a centro campo. La palla viene spedita in rimessa laterale a 5 metri dalla meta ospite e sulla seguente rimessa il Gubbio va in meta ancora con una rolling maul. 31 a 31 e sui piedi dell’apertura rosso blu c’è la possibilità di segnare i due punti della vittoria. Silenzio in campo.

Parte il calcio da posizione angolata che ancora una volta centra i pali per il definitivo 33 a 31.Questa è l’ennesima partita che il Forlì perde con scarti irrisori ma così è. Per sperare di lottare per i vertici della classifica è necessario acquisire una maturità e una lucidità che consentano di sapere vincere quando lo si deve fare.Formazione: Rossi, Magnani, Lanzanrini (1° st Valgiusti), Zaccariello M, Gallegati (1 ° st Roffilli), Mori, Mercuriali, D’Agostino, Benvenuti, Balzani Nicola (1° st Asioli), Guidi (10° st Ruffilli), Marzocchi, Di Bello (1 ° st Zaccariello G), Giardini N.E: Manucci, Di Criscio All. Balzani DavideMarcatori: Marzocchi 2 mete, Mori 1 meta, Giardini 4 punizioni e 2 trasformazioni.

SERIE C ELITE:
Bologna-Ascoli 29-8
Gubbio-Forlì 33-31
Terni-Parma 28-22
Foligno-Jesi 12-42
Firenze-Siena 23-7

Classifica
Siena 40
Firenze 38
Terni 36
Jesi 36
Parma 28
Forlì 22
Gubbio 19
Bologna 18
Ascoli 5
Foligno -2
 

-> Tutti i risultati sportivi dei campionati locali

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento