Altro

Atletica, un weekend da sogno per Carlotta Fedriga ai Campionati Italiani: argento nei 200 metri

Fedriga è stata protagonista assoluta, scendendo in pista per ben 5 volte fra turni eliminatori, semifinali e finali

La stagione al coperto dell’atletica leggera italiana è entrata definitivamente nel vivo e nel weekend appena concluso sono andati in scena i Campionati Italiani indoor Juniores (under 20) e Promesse (under 23). Senza ombra di dubbio quest’ edizione rimarrà negli annali dell’Edera Atletica Forlì, grazie alla medaglia d’argento sui 200 metri conquistata dalla fortissima velocista Carlotta Fedriga e degli altri 6 portacolori che si sono classificati fra i migliori 10 in Italia.

Fedriga infatti, è stata protagonista assoluta, scendendo in pista per ben 5 volte fra turni eliminatori, semifinali e finali. Il weekend da sogno è iniziato sabato nella distanza dei 60 metri, dove ha vinto in scioltezza la batteria corsa in 7”59 a pochi centesimi dal primato personale. Poche ore dopo era già il momento della semifinale, con l’ansia che ha iniziato a farsi sentire. Ma la velocista, classe 2004, non ha deluso le aspettative, raggiungendo con grande autorità il traguardo in seconda posizione, ancora con il tempo di 7”59, che significava finale guadagnata. Con lei sono entrate atlete del calibro di Great Nnachi, Ludovica Galuppi, Alessandra Gasparelli e Agnese Musica, che vantagno già vittorie e medaglie a livello nazionale, ma anche primati italiani e partecipazioni a europei e mondiali under 20. Il livello era quindi estremamente alto, ma ciò non ha scalfito la concentrazione di Fedriga che è uscita dai blocchi di partenza come un fulmine, facendo segnare il nuovo primato personale di 7”55 e il quarto posto in Italia.

Nonostante la strepitosa prestazione, la medaglia di legno ha lasciato qualche rammarico alla ragazza cresciuta nel vivaio giovanile dell’Edera Atletica, che doveva trovare le motivazioni giuste per correre il giorno successivo la gara dei 200 metri. Ma il copione non è cambiato e domenica il Palaindoor di Ancona ha visto la Fedriga sfrecciare in batteria di qualificazione e cogliere il successo con uno strabiliante primato personale di 24”50, quasi 4 decimi tolti al precedente tempo fatto segnare a inizio stagione.
Anche in questa finale le atlete al suo fianco erano di altissimo livello: Agnese Musica, blasonata velocista azzurra, Marta Amani, promessa dell’atletica italiana e già campionessa italiana sia nel salto in lungo, sia nella prova dei 200 metri e Giulia Fongaro dell’atletica vicentina.

Alle 14:53 lo starter ha dato il via alla gara: Fedriga grazie ad una partenza esplosiva ha guadagnato qualche metro di vantaggio sulle atlete nelle corsie più interne, facendo chiarire fin da subito che la sfida per l’oro sarebbe stata una questione a due fra lei e Amani. Carlotta ha continuato a grandi spinte fino alla seconda curva dove è arrivata addirittura a impensierire l’atleta milanese che però, grazie ad un’ottima fase lanciata, è riuscita a rimanere davanti e vincere l’oro con il tempo di 24”04 . Per Carlotta un bellissimo argento, con il nuovo primato personale di 24”45. Da sottolineare come entrambe abbiano stampato tempi che si inseriscono fra i migliori nelle graduatorie nazionali di sempre Under 20. Pltre a lei, in gara erano presenti altri 7 atleti dell’Edera Atletica Forlì e i risultati sono stati ottimi anche per loro con un resoconto finale di tre top 10.

Nel getto del peso Martina Fedriga, classe 2002 al secondo anno della categoria promesse e sorella maggiore di Carlotta, ha lanciato lontano, anzi lontanissimo. La gara per la ragazza è iniziata un po’ a rilento con un lancio poco sopra i 10 metri, misura ben al di sotto dei suoi valori, ma una volta scaldati i motori sono arrivati due ottimi lanci a 11,58 e 11,74 metri, che le sono valsi la finale. Si è proseguito, e al quinto lancio l’attrezzo scagliato con forza da Fedriga sembrava non scendere più atterrando ben oltre la fettuccia con scritto 12. Saranno 12,67 metri, primato personale di Martina e ottavo posto in Italia.

Dopo due anni di assenza dalle gare al coperto è tornata a calcare la pista indoor di Ancona la quattrocentista Anna Spada nella gara dei 400 metri. La forte ragazza, classe 2001, ha gestito molto bene la sua gara con un passaggio ai 200 metri abbastanza forte e un ultimo giro caratterizzato da una grande tenuta fisica. Spada ha chiuso la batteria al secondo posto col tempo di 56”49, demolendo il precedente primato personale di 57”17. La prestazione purtroppo non è bastata per agguantare la finale, ma è valsa comunque il decimo posto in Italia fra le under 23.

Ma il plotone ederino non è finito. Sui blocchi di partenza dei 60 ostacoli si è presentata Alice Cecchini che aveva ottenuto la qualificazione grazie al 9”14 fatto segnare sulla stessa pista qualche settimana prima. Per Cecchini purtroppo la gara non è andata come ci si aspettava. L’uscita dai blocchi è stata buona, ma il ritmo di passaggio fra le barriere non è stato il solito. Per lei il tempo finale è stato di 9”32 che le è valso il ventitreesimo posto.

A chiudere questo ricco weekend per la società forlivese ci hanno pensato i ragazzi della staffetta 4x200. Riccardo Fabbri, Filippo Fuzzi, Nicolò Valgimigli e Nicola Raggi a comporre il quartetto che si è presentato in gara per bissare il bellissimo quinto posto dell’anno scorso. Il livello della gara quest’anno sembrava essersi alzato ma nonostante ciò i ragazzi hanno vinto la batteria e il derby con la squadra bolognese della Virtus. Il tempo finale 1’33”94 è valso il decimo posto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atletica, un weekend da sogno per Carlotta Fedriga ai Campionati Italiani: argento nei 200 metri
ForlìToday è in caricamento