rotate-mobile
Automobilismo

"Al lavoro per rievocare il Circuito di Forlì": il Ferrari Club cittadino sogna il ritorno della gara che vinse Nuvolari

Piero Gardini, presidente del Ferrari Club Forlì, ha inaugurato ufficialmente la stagione del sodalizio che ha nel cuore il Cavallino Rampante

"Siamo cresciuti molto e cresceremo ancora. Ci sono tanti nuovi iscritti, in particolar modo giovani e questo darà forza ed entusiasmo nell'organizzare attività collettive. Se ci sarà partecipazione vuol dire che abbiamo lavorato bene". Piero Gardini, presidente del Ferrari Club Forlì, ha inaugurato ufficialmente la stagione del sodalizio che ha nel cuore il Cavallino Rampante davanti ad un nutrito gruppo di soci, che si è dato appuntamento per una pizzata ferrarista al ristorante "Da Bacco", a Pievequinta. Durante la serata si è parlato della nuova Ferrari SF-24, presentata martedì scorso a Maranello, con uno sguardo anche al 2025, quando ad affiancare Charles Leclerc non ci sarà più l'apprezzato Carlos Sainz, ma il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton. Non si è parlato solo di Formula Uno, ma anche di mondiale Endurance, con la Ferrari impegnata nel campionato Wec con tre Hypercar 499P.

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

A far da cornice alla serata le immagini del trionfo della rossa numero 51 all'edizione 2023 della 24 Ore di Le Mans, ma anche l'esposizione di alcuni modellini, tra cui il raro esemplare di Ferrari F125SC con la quale Tazio Nuvolari e Sandro Cortese vinsero il Gran Premio "Circuito di Forlì" del 1947. Tra i sogni del Ferrari Club Forlì c'è quello di organizzare una rievocazione di quella gara che si è disputata in sole quattro occasioni, nel 1947, nel 1948, nel 1949 e nel 1953 ("ci sono stati contatti con il Comune", fa sapere Gardini) ed un libro in futuro. L'edizione del 1947 vedeva la partenza dal viale della stazione, per poi toccare viale Crispi, percorrere la Circonvallazione (ora viale Matteotti, ndr), entrare in Piazzale della Vittoria con un curvone dove c'è la statua di Icaro e quindi il rettilineo conclusione del viale della stazione. I box erano stati allestiti dove ora c'è il campo sportivo dell'Edera. Nelle successive edizioni il tracciato ha subìto delle modifiche.

"Si annuncia un 2024 ricco di appuntamenti nel nostro circuito di casa, con l'autodromo "Enzo e Dino Ferrari" che ospiterà ad aprile la "6 Ore di Imola" ad aprile e a maggio la Formula Uno - ha ricordato Gardini -. Speriamo di sventolare sotto il podio il grande cuore rosso". Il Club, che può vantare tra i tesserati il pilota Davide RigonDavide Piccinini, responsabile dell'ufficio tecnico di Ferrari Competizioni GT e Hypercar, e Rossella Amadesi, vicepresidente di Cea Estintori e responsabile della Squadra Corse (i famosi "Leoni Cea" che nel 1989 salvarono Gerhard Berger dal rogo del Tamburello a Imola nel 1989) a fine anno celebrerà il 43esimo compleanno: "Lo faremo con una grande festa", l'annuncio. Il Ferrari Club Forlì è nato nel 1981 da un'idea dell'ex presidente Nino Ninucci, scomparso nel novembre 2020. Gardini è stato recentemente confermato alla presidenza. Per informazioni ed iscrizioni è possibile presentarsi al negozio di modellismo "Magic Model" in via Felice Orsini, nel centro storico cittadino (telefono 054327891, mail magic.model@tin.it).

cena-ferrari-club-forli-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Al lavoro per rievocare il Circuito di Forlì": il Ferrari Club cittadino sogna il ritorno della gara che vinse Nuvolari

ForlìToday è in caricamento