rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Tennis

La storica azienda al fianco delle promesse del tennis: nuovo partner per il Villa Carpena

Il nuovo partner accompagnerà le giovani promesse del tennis al raggiungimento di risultati sportivi sempre più ambiziosi

Sana e corretta nutrizione, ma anche stile di vita attivi. Amadori, storica azienda romagnola che si colloca ai vertici del settore agroalimentare italiano, ha scelto il Circolo Tennis Villa Carpena per promuovere il progetto "Amadori alimenta lo sport", accompagnando le giovani promesse del tennis al raggiungimento di risultati sportivi sempre più ambiziosi. Amadori va così ad aggiungersi al panel di partner ufficiali del Villa Carpena, affiancando le squadre Under 12 e Under 16, che stanno dando tante soddisfazioni allo sport forlivese. I loghi Amadori e Amadori Alimenta lo Sport sono già presenti sul "campo 1".

Il gruppo Amadori

Il gruppo Amadori, specializzato nel mondo avicolo, è nato ufficialmente oltre 50 anni fa a Cesena ed oggi sta estendendo la propria offerta a tutto il campo delle proteine: bianche, rosa e verdi. Il Gruppo può contare sulla collaborazione di oltre 9.000 persone, tutte in Italia, e si distingue sul mercato per la gestione integrata della propria filiera e per una presenza capillare in tutto il Paese.

L'impegno per lo sport

Da sempre capace di creare innovazione nel proprio settore di riferimento, restando fedele alle proprie radici in Romagna, Amadori ha scelto di accompagnare anche i giovani sportivi del nostro Circolo nel loro percorso di crescita atletica e sportiva, indirizzandoli ad un approccio consapevole verso la nutrizione, nell'ottica di una vera e propria cultura alimentare da perseguire attraverso il consumo bilanciato di tutti gli alimenti e una dieta fondata sulla qualità e la bontà: caratteristiche che si possono ritrovare ogni giorno in tutti i prodotti a marchio Amadori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storica azienda al fianco delle promesse del tennis: nuovo partner per il Villa Carpena

ForlìToday è in caricamento