rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Automobilismo

Una sfilata di gioielli a quattro ruote: in Piazza Saffi arriva la Modena Cento Ore

A cura del team Canossa Events anche la pubblicazione di una guida turistico-paesaggistica che verrà distribuita a tutti i partecipanti, contenente la descrizione ed il racconto delle bellezze storico-artistiche, tipicamente italiane, delle località attraversata dalla gara

Lunedì le vie di Forlì si animeranno all’arrivo di incredibili gioielli a quattro ruote, vetture storiche e meravigliose in gara per l’adrenalinica Modena Cento Ore. Le auto sfileranno nel centro della città mercuriale a partire dalle 16.30. In questa occasione davvero unica è previsto un controllo timbro in Piazza Aurelio Saffi. "L’amministrazione comunale è felice di accogliere nuovamente il passaggio dell’evento", evidenzia il vicesindaco con delega allo Sport, Daniele Mezzacapo -. La manifestazione Modena Cento Ore rappresenta un momento di partecipazione che coinvolge il territorio offrendo la possibilità di vedere sfilare auto storiche bellissime. Inoltre il passaggio,  darà a Forlì e alla nostra bella Piazza Saffi l’opportunità di essere ammirate da coloro che sono alla guida delle auto d’epoca e da tutti gli accompagnatori dell’evento".

A cura del team Canossa Events anche la pubblicazione di una guida turistico-paesaggistica che verrà distribuita a tutti i partecipanti, contenente la descrizione ed il racconto delle bellezze storico-artistiche, tipicamente italiane, delle località attraversata dalla gara. Sono un centinaio gli equipaggi iscritti all’edizione 2022, provenienti da tutto il mondo, rappresenteranno più di 17 nazionalità e scopriranno il meglio del Bel Paese. L’itinerario partirà da Milano Marittima, nella vibrante Riviera Romagnola, continuerà a Firenze, culla del Rinascimento Italiano, e si concluderà infine a Modena, patria dei motori più performanti al mondo, dove le vetture verranno presentate al pubblico e premiate in Piazza Grande al cospetto della Torre Ghirlandina, dichiarati patrimonio Unesco. 

La dinamicità della pista, l’adrenalina della competizione e le prestazioni eccezionali delle vetture in gara: questo e molto altro caratterizzeranno l’edizione 2022 della Modena Cento Ore. Gli equipaggi si sfideranno in pista al centesimo di secondo gareggiando nei circuiti di Misano e del Mugello, due fra i più leggendari circuiti del motorsport italiano, celebrati in tutto il mondo e sedi del Campionato del mondo Motogp e sui tornanti degli appennini nelle prove speciali in salita su strada chiusa. Il Misano World Circuit Marco Simoncelli, progettato nel 1969 e istituito nel 1972 festeggia quest’anno 50 anni. Con ben 4.226 metri di superficie e 16 curve, accoglierà i piloti martedì 4 ottobre per un’esperienza all’insegna della velocità e della passione per il motorsport. Mercoledì 5 ottobre sarà poi la volta del Mugello Circuit, istituito nel 1974, con 15 curve e un tracciato lungo 5.245 metri. Anche in questa occasione i piloti avranno l’opportunità di godere di un circuito unico nel suo genere, di proprietà della casa del Cavallino Rampante. 

Il percorso, che parte da Milano Marittima e termina a Modena, prevede le seguenti tappe principali: lunedì Cervia, Pieve Santo Stefano, Bibbiena, Pratovecchio Stia, Reggello, San Godenzo, Forlì e Milano Marittima; martedì Urbania, Urbino, Pesaro, Gabicce Mare, Riccione e Milano Marittima; mercoledì Faenza, Imola, Palazzuolo sul Senio, Scarperia e Firenze; e giovedì Firenzuola, Sasso Marconi e Modena.    

Canossa si impegna costantemente a organizzare gli eventi nel modo più sostenibile possibile. Da anni ormai lavoriamo con il protocollo “Carbon Zero” (Iso 14064) finalizzato a ridurre l’impatto ambientale. Per mantenere alti gli standard di attenzione all’ambiente, Canossa si è impegnata ad ottenere la Certificazione Uni En Iso 14001. La norma, riconosciuta a livello internazionale, fornisce una struttura gestionale per l’integrazione delle pratiche di gestione ambientale, perseguendo la protezione dell’ambiente, la prevenzione dell’inquinamento e la riduzione del consumo di energia e risorse.  Anche quest’anno è inoltre riconfermato l’ormai tradizionale supporto alle attività del Panathlon Club di Modena, per il quale sponsorizziamo da anni un progetto volto a rendere accessibile lo sport anche alle persone con disabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una sfilata di gioielli a quattro ruote: in Piazza Saffi arriva la Modena Cento Ore

ForlìToday è in caricamento