A Montegranaro è scesa in campo una Unieuro con gli attributi. E Rush si è riscattato

I biancorossi hanno tirato fuori gli attributi nella serata che li ha visti orfani di Pierpaolo Marini, ko da domenica dopo la distorsione alla caviglia, e Davide Bruttini, costretto a dare forfait per un blocco all’anca

Coach Sandro Dell'Agnello aveva chiesto ai suoi continuità e determinazione dopo l'amara sconfitta al Palafiera contro Caserta. La risposta non si è fatta attendere. L'Unieuro 2.015 ha vinto meritatamente contro Montegranaro, trovando l'urlo vincente con la tripla di Klaudio Ndoja a tre secondi dalla sirena. I biancorossi hanno tirato fuori gli attributi nella serata che li ha visti orfani di Pierpaolo Marini, ko da domenica dopo la distorsione alla caviglia, e Davide Bruttini, costretto a dare forfait per un blocco all’anca. Erik Rush si è fatto perdonare la battuta a vuoto contro la Juve, chiudendo la serata con 23 punti e 31 di valutazione (cinque assist e sei rimbalzi totali). L'americano dal passaporto svedese è stato tra i trascinatori della compagine biancorossa, efficace in attacco (50% da due e ben 67% da tre con un 4 su 6), quando in difesa, limitando James Thompson (17 punti e 31 di valutazione). E che dire di Jacopo Giachetti, 32 minuti in campo, 14 punti, sei assist e quattro rimbalzi difensivi: il play ha diretto l'orchestra, servendo palle pesanti a Davide Benvenuti (23 punti ed una tripla ad obiettivo) e dando il la all'azione che ha regalato la vittoria ai romagnoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ndoja, indemoniato come non si era mai visto in questo inizio di stagione, ha timbrato 20 punti, 9 dei quali arrivati da sei tentativi da tre, l'ultimo dei quali un bacio alla retina. Nonostante una bomba importante nell'ultimo quarto sul 78 a 74, Mo Watson è stato autore di un'altra prova al di sotto delle aspettative, a tratti in difficoltà in fase difensiva. A Montegranaro la reazione del collettivo è comunque arrivata. Forlì lancia un chiaro messaggio a Verona in vista del big match di domenica all'ora di pranzo. Concentrata e determinata questa Unieuro 2.015 può fare paura a chiunque. Ma è necessaria trovare continuità. Mercoledì, contrariamente alle precedenti sfide, il primo quarto è stato travolgente, mentre tra il secondo e il terzo periodo Forlì è riuscita a contenere la rimonta dei padroni di casa nonostante un calo difensivo, trascinati da un super Davide Bonacini. L'abbraccio di gruppo a fine match dice tutto sulla compattezza della squadra. Domenica i biancorossi avranno come sempre bisogno del sesto uomo, il Palafiera, per chiudere in bellezza una settimana impegnativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

  • Commando armato assalta una villa: minuti di terrore per una famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento