Degrado nelle aree sportive, Lega e M5s attaccano. Samorì: "Molti i lavori già fatti"

Risponde l'assessore Samorì: "Negli ultimi anni in questo complesso sono stati investiti milioni di euro e attraverso due stralci (manca il terzo), la vecchia ex Gil e' diventata la Casa dello Sport Adriano Casadei"

È il centro sportivo Monti della Cava a finire nel mirino delle polemiche elettorali. Ad attaccare sono la Lega e il Movimento 5 Stelle. Così il capogruppo della Lega Daniele Mezzacapo e il responsabile dei giovani romagnoli Andrea Costantini: “è veramente incredibile come il G.Monti sia stata letteralmente abbandonata dall’Amministrazione comunale uscente. La cosa che più di tutte ci sgomenta è che non stiamo parlando di un semplice campetto da basket, che pure meriterebbe l’attenzione di un Sindaco responsabile, ma di un vero e proprio centro sportivo, le cui potenzialità sono sotto gli occhi di tutti ma che il Comune ha preferito ignorare, lasciando che la zona scivolasse nel degrado e nell’abbandono”.



Le foto, scattate dai due leghisti, ‘parlano’ da sole: “l'asfalto dissestato, l’immondizia, i vetri, le bottiglie divelte e i contenitori di plastica sono ovunque. Il campo da pallacanestro e l’area limitrofa al campo da rugby versano in uno stato pietoso tanto da renderli impraticabili e pericolosi per l’esercizio dell’attività fisica degli atleti". “Il rammarico più grande" - concludono Mezzacapo e Costantini -  "è dettato dal fatto che questo centro sportivo, se non fosse stato dimenticato dal Sindaco Drei e dall’assessore allo sport Sara Samorì, oggi potrebbe vantarsi di essere una delle aree più attrezzate e curate della nostra città. Peccato che non sia così e che, per l’ennesima volta, questa Giunta abbia dato prova del disinteresse che ha ‘riservato’, nel corso di questo mandato, alle aree verdi e agli impianti sportivi del nostro Comune”.

Il m5S

Sullo stesso tema anche il Movimento 5 Stelle, con un comunicato di Daniele Vergini, candidato sindaco M5S Forlì: "Il degrado di alcuni impianti sportivi della nostra città è evidente e sotto gli occhi di tutti, basti pensare alla Polisportiva Cava “Guido Monti”, ma la cosa che ci indigna maggiormente è come questo vada di pari passo con l’assenza di chiari bandi di gestione, e si vada avanti sempre di proroga in proroga. Il Monti ad esempio è in gestione alla UISP dal 2005 (14 anni) con ben 7 proroghe di fila, le ultime in parola e “sulla fiducia”, e il tutto con un contributo alla gestione da parte del Comune di 60.500 annui. Un altro esempio è il “G.Casadei” di San Martino gestito sempre dallo stesso gestore dal 2006 (13 anni) sempre senza aver fatto nessun bando, nessuna manifestazione d’interesse, nulla di nulla, ma decidendo di prorogarlo sulla fiducia fino al 2024 con una delibera di giunta di poche settimane fa, con un contributo annuo da parte del Comune di ben 62.500 euro più IVA a favore del gestore".

"Questo modo di procedere a nostro parere rappresenta quanto c’è di più sbagliato nella gestione del mondo sportivo da parte di questa amministrazione. Il pensiero che sorge spontaneo non è tanto sul perché della “fiducia” del Comune verso questi soggetti, ma  perchè ci sia una mancanza di fiducia nei confronti degli altri soggetti che invece avrebbero voluto e potuto partecipare ai bandi se solo il Comune gliene avesse dato la possibilità! E non reggono le scuse dell’amministrazione secondo le quali l’ufficio Sport sarebbe sotto organico e non riuscirebbe ad indire i bandi, questo non è un motivo sufficiente per fossilizzare la gestione degli impianti sportivi lasciandoli in mano agli stessi soggetti per quindici/vent’anni. Noi del Movimento Cinque Stelle crediamo che anche a livello sportivo tutti debbano avere le stesse chance e “giocarsela ad armi pari” partecipando ai bandi regolarmente indetti dal Comune e che tutti gli impianti debbano avere un contributo da parte del Comune e non solo alcuni “amici” come invece è successo in passato. Solo con una vera concorrenza e parità di accesso alla gestione e uso degli impianti si otterrà un vero beneficio per tutti e un vero contrasto al degrado che inesorabilmente sta coinvolgendo molti impianti. Uno dei punti più importanti del nostro Programma Sport è quello di incentivare tutti gli sport e di avere più attenzione per le società sportive che da anni lavorano duramente sul territorio e che fanno i salti mortali per riuscire a mandare avanti l’attività sportiva, è a loro che pensiamo quando parliamo di sport".

La replica

Risponde l'assessore Sara Samorì, candidata del Pd: "La Lega Nord, attraverso alcuni suoi rappresentanti, dimostra davvero una scarsa conoscenza della città e del suo mondo sportivo. Intanto, una svista grossolana: non si tratta, come erroneamente dichiarato “centro sportivo G. Monti” che è da tutt’altra parte della città, ma l’area retrostante lo Stadio del Rugby detto “Inferno Monti”. Mi corre l’obbligo, però, di tornare a precisare e informare di quanto illustrato nei mesi scorsi a proposito di questo complesso che si sostanzia di varie articolazioni e pienamente funzionante nelle maggior parte delle sue strutture: palestre, campo da rugby, campi da tennis e presto sede Coni e Enti di promozione. Negli ultimi anni in questo complesso sono stati investiti milioni di euro e attraverso due stralci (manca il terzo), la vecchia ex Gil e' diventata la Casa dello Sport Adriano Casadei, sono state realizzate  manutenzioni ai campi e che tutto il comparto, per il quale e' in corso l'ultimo stralcio di recupero, sara' gestito in modo unitario. Nelle porzioni da completare ce ne sono alcune, come il campetto da basket e l’area esterna - zona peraltro recintata (!)- oggetto di interventi già preventivati nei prossimi mesi. Più oltre, a testimonianza dell’attenzione dedicata al patrimonio impiantistico sportivo in questi anni, abbiamo presentato un progetto di recupero e rigenerazione di altre aree ad essa connessi attraverso la partecipazione al Bando nazionale Sport e Periferie per il quale siamo in attesa di graduatoria. Dispiace constatare che in questi 5 anni di amministrazione, il capogruppo e leader della lega non se ne sia accorto nè informato".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

Torna su
ForlìToday è in caricamento