rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Sport

MotoGp, è già tempo di tornare in pista. Dovizioso: "Phillip Island non è tra le mie preferite"

"Phillip Island non è una delle mie piste preferite - ha esordito Dovizioso -, ma con la GP15 credo che quest’anno potremo essere più competitivi, e quindi dovrebbe essere un buon weekend per noi"

Archiviato da pochi giorni il Gran Premio del Giappone, il Circus del Motomondiale si è trasferito in Australia per il sedicesimo round del mondiale MotoGp e secondo appuntamento dell'impegnativa serie di tre gare extra-europee di fine stagione. Benchè quell'australiana non sia tra le sue piste preferite, a Phillip Island Andrea Dovizioso è salito sul podio per tre volte nelle diverse categorie: ha ottenuto una vittoria in 125 nel 2004 e un terzo posto in MotoGP nel 2011, e lo scorso anno ha terminato la gara al quarto posto.

"Phillip Island non è una delle mie piste preferite - ha esordito Dovizioso -, ma con la GP15 credo che quest’anno potremo essere più competitivi, e quindi dovrebbe essere un buon weekend per noi. Mi interessa molto vedere come andremo qui perché lo scorso anno non avevo un buon feeling con la mia moto. Durante lo scorso weekend a Motegi abbiamo però migliorato le nostre prestazioni e quindi anche qui ci impegneremo al massimo per ottenere un buon risultato".

Situato vicino allo Stretto di Bass, nello stato del Victoria, il tracciato di Phillip Island presenta una configurazione anti-oraria con una serie di curve molto veloci che lo rendono una delle piste più veloci e spettacolari del Mondiale. Nonostante le condizioni meteo della primavera australiana siano spesso imprevedibili, l’evento è sempre ben gradito alle squadre, ai piloti ed agli appassionati. A sempre avuto forti legami con gli sport motoristici e le prime gare automobilistiche su strade pubbliche sono datate negli anni ’20.

La prima gara di moto invece venne organizzata nel 1931, e nel 1956 fu costruito un circuito permanente. Negli anni ’70 e ’80 la struttura cadde in disuso finché non venne ristrutturata nel 1985. Alla fine degli anni ’80 Phillip Island ha ospitato il Mondiale 500 per due volte prima di diventare sede permanente del Gran Premio di Australia dal 1997 in poi. Il tracciato è uno dei più spettacolari dell’intero calendario, ed è una delle piste più veloci in assoluto.


 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MotoGp, è già tempo di tornare in pista. Dovizioso: "Phillip Island non è tra le mie preferite"

ForlìToday è in caricamento