"Grazie Andrea": l'ultima di Dovizioso è una bellissima rimonta. Ducati campione del mondo nel Costruttori

Partito dalla quarta fila e rimasto inizialmente imbottigliato nel gruppone, il l forlivese è risalito fino alla sesta posizione nel Gran Premio di Portogallo

Onorevole ultima gara di Andrea Dovizioso in MotoGp e in Ducati. Partito dalla quarta fila e rimasto inizialmente imbottigliato nel gruppone, il l forlivese è risalito fino alla sesta posizione nel Gran Premio di Portogallo, contribuendo alla conquista del titolo Costruttori per la Casa di Borgo Panigale. Grandi abbracci al suo team al rientro ai box ed un cartello ad attendero: "Grazie Andrea". Dopo gli applausi, circondato dai meccanici si è seduto per analizzare la gara come se non fosse l'ultima. Poi il team storico gli ha tributato anche un coro: "Uno, due, tre, Dovizioso Olè". "Pensare che sono arrivato quarto in campionato, a pochi punti dal terzo, in una stagione con poco feeling è tanta roba", ha esclamato il forlivese ai microfoni di Sky Sport.

“Non è stata sicuramente una gara facile partendo dalla dodicesima posizione, ma sono contento perché siamo riusciti a fare una buona rimonta e a chiudere davanti ad alcuni dei nostri diretti rivali in campionato, raggiungendo il quarto posto in classifica, che era il nostro obiettivo principale - commenta il forlivese -. Questa è stata la mia ultima gara in Ducati: negli ultimi quattro anni siamo stati in grado di fare qualcosa di straordinario e non avrei mai pensato di emozionarmi così tanto nel vedere la gioia che i nostri risultati sono stati in grado di suscitare nei nostri tifosi. Questa è la magia del nostro sport e sono felice di averla provata. Dopo queste otto stagioni, si sono creati dei bellissimi rapporti all’interno della mia squadra, che sicuramente mi mancherà moltissimo".

L'ultima gara

Il sipario sulla stagione 2020 è arrivato - con Joan Mir campione del mondo costretto al ritiro per un problema d'elettronica sulla sua Suzuki - ed ha visto il trionfo del portoghese Miguel Oliveira, che ha fatto il vuoto dopo esser scattato dalla pole position. Secondo posto per Jack Miller (Ducati Pramac), che nel finale ha beffato Franco Morbidelli (Yamaha Petronas), che chiude da vicecampione del mondo, a soli 13 punti dal già iridato Mir. Quarto posto per la Ktm di Pol Espargaro davanti alla Honda Lcr di Takaaki Nagakami. Grande ritmo per Valentino Rossi all'ultima con i colori ufficiali della Yamaha, archiviata col dodicesimo posto.

I numeri di Dovizioso

L'ex iridato della 125cc chiude il suo matrimonio con la Casa di Borgo Panigale dopo otto stagioni ricche di vittorie, podi e soddisfazioni come il secondo pilota in rosso più vittorioso nella storia del MotoGp (14 vittorie), dietro ai 23 di Casey Stoner. E' anche secondo in classifica per il maggior numero di podi con la Ducati, essendoci salito 40 volte in MotoGp; questo lo colloca subito dietro a Stoner (42 podi) e davanti a Loris Capirossi (23 podi). E' anche il pilota che ha avuto più partenze nella classe regina con la Ducati, davanti a Hector Barbera (140 contro 108), mentre il secondo col maggior numero di vittorie in una sola stagione con Ducati, con un totale di sei trionfi nel 2017, proprio come Stoner nel 2008. L’australiano detiene invece il record con dieci successi nel 2007, l’anno in cui vinse il titolo.

Dovizioso ha partecipato a 327 dei 956 Gran Premi che si sono svolti dalla nascita del Campionato del Mondo nel 1949 fino alla sua ultima gara di questo fine settimana a Portimao. Ciò significa che avrà partecipato al 34,1% di tutti i Gran Premi disputati. Al Gran Premio della Catalogna del 2019 è stato il primo pilota a raggiungere il traguardo dei 300 Gran Premi successivi. Il forlivese non ha perso una sola gara da quando ha iniziato il Campionato del Mondo 125cc a tempo pieno nel 2002. Il Gran Premio del Portogallo è stata la sua 325esima gara consecutiva, portando a termine una striscia incredibile. Il suo rivale più vicino è Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP) con 230 gare consecutive.Dovizioso ha il terzo “periodo più vincente” di tutti i tempi, trovandosi alle spalle di Valentino Rossi (20 anni e 311 giorni) e Loris Capirossi (17 anni e 49 giorni). 16 anni e 120 giorni separano la sua prima vittoria in 125cc (Sudafrica 2004) e l’ultimo trionfo in MotoGp (Austria 2020). Il numero 04 è al decimo posto nella classifica dei piloti col maggior numero di piazzamenti sul podio con 103 gran premi all’attivo e si trova alle spalle di Max Biaggi che ne ha 111.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta: nuovo incidente sulla "Bidentina" - LE FOTO

  • Come cambia lo shopping di Natale, le regole per bar e ristoranti e il coprifuoco di Capodanno: ecco il dpcm che blinda le feste

Torna su
ForlìToday è in caricamento