rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Sport

Atleti in carrozzella fuori dal 'Galà dello sport': arrivano scuse e incontro riparatore

Grande è stato l'imbarazzo per la presidente del Panathlon Forlì Marilena Rosetti, che si è in seguito scusata personalmente con i due atleti. La dirigenza del Panathlon e del Tiro a Segno hanno concordato di incontrarsi al Poligono di Forlì alla riapertura dell'attività di tiro per una visita di cortesia e di riparazione"

Si torna sulla situazione incresciosa che si è creata nella serata di giovedì scorso, in occasione della consegna da parte del Panathlon di Forlì dei “Premi Panathlon” al Circolo della Scranna. I due atleti coinvolti, entrambi diversamente abili, Jacopo Cappelli e Massimo Dalla Casa, iscritti al Poligono di Forlì, sono stati invitati alla premiazione, ma, giunti sul posto, si sono trovati di fronte ad un ostacolo insormontabile: ben tre rampe di scale per accedere al piano in cui si svolgeva la consegna dei riconoscimenti. I due atleti, entrambi in carrozzella, hanno espresso rammarico e sdegno per la situazione. Una situazione che ha certamente arrecato grave disagio ai due atleti come persone, ma anche come rappresentanti delle molteplici realtà che essi incarnano: la categoria degli atleti paralimpici, le rispettive associazioni sportive faentine per cui i due atleti gareggiano e, ultimo ma non ultimo, il Tiro a Segno di Forlì, che ha l'onore di ospitare e allenare Massimo e Jacopo.

Altrettanto grande, tuttavia, è stato l'imbarazzo per la presidente del Panathlon Forlì Marilena Rosetti, che si è in seguito scusata personalmente con i due atleti. “Dato che grande è l'amicizia che lega il Tiro a Segno di Forlì al Panathlon e che la dirigenza del Poligono ha ben compreso la sincera costernazione della presidente Rosetti, tale incidente non pregiudicherà il rapporto tra i due. Al contrario, la dirigenza del Panathlon e del Tiro a Segno hanno concordato di incontrarsi al Poligono di Forlì alla riapertura dell'attività di tiro, e cioè non prima dell'8 gennaio prossimo venturo, per una visita di cortesia e di riparazione”, si legge in una nota del Tiro a segno di Forlì.

Nel corso dell'incontro, la Presidente Rosetti avrà la possibilità di visitare il Tiro a Segno, una struttura tardo-ottocentesca (1891), rimasta praticamente immutata nel tempo, e di conoscere l'intera sezione paralimpica, nonché i giovani e giovanissimi atleti normodotati, che negli ultimi anni hanno raggiunto risultati invidiabili a livello nazionale, al pari dei loro colleghi diversamente abili. Con l'occasione, si parlerà anche delle barriere architettoniche, delle difficoltà che gli atleti paralimpici vivono quotidianamente e delle strategie da mettere in atto per impedire il verificarsi di un'altra situazione come quella di giovedì scorso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atleti in carrozzella fuori dal 'Galà dello sport': arrivano scuse e incontro riparatore

ForlìToday è in caricamento