Forlì insegue, sorpassa e poi incassa: montagne russe al Palafiera, passa Ravenna

I biancorossi vengono infatti sconfitti all’Unieuro Arena per 70-76 al termine di una partita mai dominata e quasi sempre in balia dell’avversario

Non parte seguendo il pronostico l’avventura della Pallacanestro Forlì 2.015 in questo nuovo campionato di A2. I biancorossi vengono infatti sconfitti all’Unieuro Arena per 70-76 al termine di una partita mai dominata e quasi sempre in balia dell’avversario. Dopo un’importante rimonta, che aveva visto Giachetti e compagni cumulare un cospicuo vantaggio nel corso dell’ultimo quarto, gli ospiti hanno ribaltato l’incontro negli ultimissimi minuti di gioco portandosi a casa il successo. L'OraSì vince il derby di Romagna grazie al gioco di squadra, al sacrificio, alla condivisione, qualità che coach Massimo Cancellieri aveva richiesto alla vigilia di questo match come leit motiv di tutto il campionato. E i giallorossi sono stati bravi nell'approccio mentale, portando a casa una partita tirata. L'Unieuro è chiamata al riscatto sabato prossimo alle ore 20:30 sul campo della neopromossa Orzinuovi.

"Abbiamo giocato tre partite - esordisce nella sua analisi coach Sandro Dell'Agnello -. L'inizio contratto si può motivare per la prima partita di campionato in casa. E' sempre difficile emotivamente. Non era prevedibile, ma ci può stare. Fino a cinque minuti dalla fine abbiamo giocato una partita importante, riuscendo a ribaltare il risultato da -6 a +11. Avevamo la partita in mano a cinque minuti dalla fine. Poi abbiamo commesso l'errore di fermare la palla. E l'abbiamo pagato carissimo, perchè ci è costata la vittoria. In difesa siamo stati incisivi, ma ci hanno condannato due episodi con due bombe". Sull'approccio della sfida: "Sull'impegno non posso rimproverare nulla a nessuno. Cambierei le scelte finale per quanto riguarda il ritmo offensivo".

La partita

Dopo la sfilata dei ragazzi del settore giovanile ed il minuto di applausi per ricordare la piccola Sveva, si comincia, e coach Dell’Agnello presenta nello “starting five” Watson JR, Marini, Rush, Benvenuti e Bruttini. Parte in leggero affanno l’Unieuro: i padroni di casa non riescono nei primi minuti a trovare la necessaria lucidità sotto canestro, e per scuotere la situazione Dell’Agnello decide di inserire a 3’9’’ capitan Giachetti al posto di un deludente Rush. La situazione non cambia: Potts a 5’56’’ mette dentro uno dei due liberi a seguito di un fallo del neo entrato Kitsing, fissando il momentaneo 2-7. Ravenna attacca con grinta ed entusiasmo, venendo premiata al momento del tiro: dopo 7’29’’ il coach dell’Unieuro chiama il primo timeout dell’incontro, dopo il canestro di Seck valevole il 5-11. Tripla di Treier e doppio libero realizzato da Giachetti, il primo quarto termina 13-16.

Break Forlì firmato Marini-Watson che porta in vantaggio i biancorossi per la prima volta nella storia dell’incontro: 17-16 dopo 49’’. Il numero 13 sale in cattedra servendo prima Watson, realizzando poi il suo settimo punto personale portando Forlì sul 21-18 e risvegliando un PalaFiera deluso fino a poco prima. A 3’46’’ una bomba di Marino ristabilisce la parità (25-25). Le due squadre vanno avanti di botta e risposta, nessuna riesce a prevalere sull’altra. Timeout Forlì a 7’31’’ sul 31-34, Ravenna mantiene un leggero vantaggio sui padroni di casa fino alla fine del secondo quarto, che finisce 31-37.

Super partenza dei giallorossi dopo la pausa lunga, che si portano sul 31-42 dopo 42’’ grazie al break di 5 firmato Sergio-Marino. L’Unieuro prova a risalire la china, ma gli ospiti non sbagliano un colpo: la bomba di Thomas a 3’32’’ porta a +9 gli ospiti (38-47). Col passare dei minuti, però, i ragazzi di Dell’Agnello ritrovano fiducia e riescono a ritrovare il vantaggio a 6’18’’ (48-47) grazie al centro di Benvenuti su assist di Marini. Ravenna non molla: ennesima tripla del match, questa volta di Potts che 8’5’’ porta ambe le squadre a quota 53. L’Unieuro chiude però avanti alla mezz’ora: la tripla di Marini porta a 57 Forlì, contro i 53 di Ravenna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Break dei padroni di casa alla ripresa, che si portano sul 61-53. Bomba di Rush per il 64-55 a 1’40’’, Giachetti e compagni sembrano aver finalmente preso il controllo del match. La stanchezza comincia a farsi sentire per tutti, inclusi gli ospiti che attaccano disperatamente ma senza trovare fortuna e precisione. Due su due dai 6.75 per Giachetti a 6’12’’, che porta a +9 i suoi (70-61). Riapre clamorosamente la partita Sergio dalla distanza, che dopo un recupero di Potts subisce anche fallo realizza il libero del 70-68. Torna incredibilmente in vantaggio Ravenna ancora con una tripla, questa volta di Marino. Gialorossi che si portano sul 70-73 a 8’53’’ grazie a Chiumenti, che spinge Dell’Agnello alla chiamata di un timeout. Due liberi su due insaccati da Chiumenti, che fissa il 70-75. Non si scuote l’Unieuro negli ultimi instanti della gara, che termina 70-76 siglato da Sergio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Centauro si schianta contro l'auto in svolta e viene sbalzato contro il guard-rail: è grave

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Esce di strada e finisce con l'auto contro la recinzione di una casa: è grave

  • Forlimpopoli entra nel Guinness dei Primati per la sfoglia tirata al matterello più lunga del mondo

  • Rogo nella cucina di un appartamento del terzo piano, evacuata una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento