Venerdì, 19 Luglio 2024
Basket

La seconda stagione di Martino a Forlì: "Non siamo sulla griglia dei protagonisti? Stimolo per smentire chi ci dà poca fiducia"

Antimo Martino è pronto per la seconda stagione alla guida della Pallacanestro Forlì 2.015. Nel primo anno in biancorosso è arrivato vicinissimo a coronare dopo 28 anni il sogno di una promozione in massima serie.

Abbronzato, sereno e sorridente. Antimo Martino è pronto per la seconda stagione alla guida della Pallacanestro Forlì 2.015. Nel primo anno in biancorosso è arrivato vicinissimo a coronare dopo 28 anni il sogno di una promozione in massima serie. "Con molto piacere vedo che Forlì non è inserita nelle griglie attuali tra le protagoniste del campionato e ogni volta che le guardo esulto perchè sono uno stimolo e mi danno la carica giusta per smentire chi ci dà poca fiducia - ironizza l'allenatore -. Con lo staff ci ridiamo su, mandandoci gli screenshot dei siti specializzati dove Forlì viene poco considerata". Diventando serio, Martino dettaglia: "Le griglie non mi interessano. Negli ultimi anni il campionato di A2 ha spesso dimostrato che quello che dice il campo è differente dai pronostici di inizio stagione. E' vero però che tante squadre, rispetto alla scorsa stagione, sono state costruite meglio e con maggior logica. Quindi ho la sensazione che il campionato sarà molto più complicato rispetto al precedente".

LA NUOVA STAGIONE - "Quest’anno si riparte da zero. L'obiettivo è diventare una grande squadra"

Terminato il primo periodo di allenamenti fisici e con la palla, la squadra comincerà a testare sul campo il grado di assimilazione dei dettami impartiti dallo staff tecnico. Il primo appuntamento è per sabato pomeriggio al Palafiera, con un test contro i Raggisolaris Faenza alle 18 (sarà a porte aperte per i tifosi). Lunedì si terrà invece la presentazione di staff e squadra ai propri tifosi. L’appuntamento è fissato per le 19:30 al Palafiera, quando le porte dell'impianto si apriranno sull'ultima parte dell'allenamento diretto da coach Martino. A seguire, alle 20, si terrà la presentazione di staff e squadra ai tifosi. Al termine della presentazione la società offrirà a tutti i presenti piadina, birra e altro, per un ulteriore momento di condivisione.

"Ripartire da zero"

"C’è emozione come tutte le ripartenze per la ripresa attività - afferma il tecnico di Isernia -. E' più facile rispetto alla scorsa stagione, perchè ci sono volti noti nonostante qualche leggera modifica, dallo staff ai giocatori". Martino è chiaro: "Sono sincero, la prima cosa che dobbiamo fare è dimenticare la passata stagione. L'errore più grande che possiamo fare è approcciare al prossimo campionato pensando a quella precedente. In chiave futura non significa nulla. Il bello e il brutto dello sport è che ogni anno si riparte da zero, ricostruendo una nuova mentalità e dimostrare il proprio valore. Quello che dovremo portarci dietro deve essere prima di tutto lo spirito con il quale abbiamo costruito i nostri risultati e l'atteggiamento messo in campo, che ha determinato quella sinergia che ad inizio stagione sognavo potesse esserci con il pubblico. E' vero che i risultati aiutano, ma sin dalla prima amichevole l’atteggiamento dei ragazzi in campo ha dimostrato un qualcosa di nuovo. Ed è il mio augurio anche per il campionato che verrà".

VIDEO - "Non è stato un mercato facile. Ma sono arrivati i giocatori che volevamo”
VIDEO - Martino: “Il passato è alle spalle, ripartiamo da zero"

Il nuovo roster

Martino si è detto "contento della squadra costruita. Nei primi giorni di allenamento l'atteggiamento dei ragazzi è stato perfetto, sia nello spirito che nell'idea di lavorare. Stiamo lavorando duramente con il nuovo preparatore Massimo Di Giovanni e nessuno si è risparmiato. Nonostante le gambe appesantite i ragazzi stanno dando tutto. Questo dove essere il metodo con il quale dovremmo approcciare ogni giorno e costruirci quello che sarà il nostro campionato. Ripartiamo con l’idea di fare il meglio possibile. L'obiettivo deve essere quello di pensare ad una partita alla volta e di costruirci un'identità, che automaticamente porterà ai risultati". Anche quella ai nastri di partenza sarà "una stagione con una formula lunghissima e servirà regolarità. L'obiettivo è arrivare ai playoff, quando inizierà un campionato a se. Spero di ritrovare il palazzetto pieno delle ultime partite. Mi auguro che tanti tifosi ci ridiano fiducia e che lo facciano con la certezza che in campo avranno sempre giocatori che daranno tutto. Insieme è possibile ricreare quella sinergia, che poi è stato il punto di forza della scorsa stagione". 

Una nuova pallacanestro

La squadra, tra partenze e nuovi innesti, presenterà caratteristiche differenti rispetto a quella che è arrivata ad accarezzare il sogno dell'A1 (sono rimasti capitan Davide Cinciarini, Fabio Valentini, Luca Pollone e Todor Radonijc) "Giocheremo una pallacanestro abbastanza diversa - conferma Martino -. Abbiamo voluto mantenere la struttura, con due playmaker, una guardia straniera e la conferma di giocatori dello scorso anno. Cambieremo qualcosa sia dal punto di vista offensivo che difensivo, ma l'importante è che ci sia la voglia di dare tutto e giocare una pallacanestro aggressiva sia in attacco che in difesa, di lottare su ogni pallone e dare valore ad ogni singolo possesso".

Martino conferma che è stato un "mercato difficile, perchè le squadre ambiziose sono sempre di più. Abbiamo cercato di puntare su ragazzi seri e ambiziosi. Abbiamo inserito Giacomo Zilli sostituendo Lorenzo Benvenuti, quindi puntato come abbiamo fatto lo scorso anno con Lorenzo Penna nel dare fiducia a Federico Zampini dopo un infortunio, il quale merita una stagione nella quale possa esprimere le sue qualità dall'inizio alla fine. Abbiamo sostituito Giulio Gazzotti con un giocatore con caratteristiche diverse come Davide Pascolo che ha esperienza e non ha bisogno di presentazioni, con grandissime qualità umane e tecniche".

Tra le novità quella di un roster più profondo: "Abbiamo voluto inserire Maurizio Tassone per allungare la profondità squadra, perchè nella scorsa stagione abbiamo avuto problemi che siamo stati bravi a mascherare facendo ricorso a giovani e quintetti fantasiosi. Ma una squadra ambiziosa e che vuole competere è giusta che abbia tante opzioni, in grado così di sopperire momenti di difficoltà ed alzare la qualità degli allenamenti". 

Gli stranieri

Nuovi anche i volti degli stranieri, da Xavier Johnson arrivato martedì a Forlì a Kadeem Allen. "Xavier ha caratteristiche diverse rispetto a quelle di Nathan Adrian e cercheremo di sfruttare le sue qualità, mettendolo in condizione di produrre e fare quello che sa fare meglio". Giovedì sbarcherà Allen: "Volevamo una guardia con le sue caratteristiche. E' un giocatore che ha sicuramente un'esperienza importante alle spalle, con presenze in Nba, e che arriva da tre anni di Europa. Sarà la sua prima volta in Italia e non sarà facile calarsi in una nuova realtà. Dovrà adattarsi ad un campionato come quello di A2, che presenta difficoltà. Anche nella passata stagione la crescita di Vincent Sanford e Adrian è stata graduale". La parola d'ordine su Kadeem è quindi pazienza.

I numeri della stagione

Ufficializzati i numeri di maglia per la stagione 2023/24: 0  Kadeem Frank Allen; 5 Daniele Cinciarini (cap.); 7 Fabio Valentini; 9 Federico Zampini; 10 Maurizio Tassone; 11 Xavier Alexander Johnson; 14 Davide Pascolo; 16 Giacomo Zilli; 18 Luca Pollone; 23 Todor Radonjic; 20 Edoardo Zilio; 21 Michele Munari; e 22 Matteo Borciu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La seconda stagione di Martino a Forlì: "Non siamo sulla griglia dei protagonisti? Stimolo per smentire chi ci dà poca fiducia"
ForlìToday è in caricamento