Calcio, il Forlì al bivio dopo la debacle contro la Sammaurese. E il campionato potrebbe fermarsi. Intanto arriva Tortori

Nel frattempo a seguito dell'ultimo dpcm del governo Conte che ha confermato la continuazione dei campionati di serie A, B, C e D, proprio quest'ultima, la Lega Nazionale Dilettanti si interroga sul suo futuro

Non poteva di certo passare inosservata la debacle casalinga che ha visto coinvolto il Forlì nella gara di domenica scorsa contro la Sammaurese. Un risultato così pesante che ha fatto scricchiolare qualcosa in società e che ha gioco forza fatto ritornare tutto l'ambiente biancorosso coi piedi per terra. A distanza di appena ventiquattro ore infatti, filtrano indiscrezioni di un incontro tra Cda societario, allenatore e direttore sportivo con importanti decisioni sul tavolo che saranno poi comunicate in via ufficiale ai giocatori solo nelle prossime ore.

Dal canto suo proprio la squadra di comune accordo col mister Beppe Angelini, non aveva usufruito del consueto giorno di riposo post gara, tornando al lavoro nel centro sportivo di viale Roma già dal pomeriggio di lunedì. Insomma la prestazione sconcertante offerta domenica dai galletti ha lasciato sbigottiti tifosi e società, con un passivo così pesante contro il fanalino di coda del campionato che non si verifica da addirittura da 33 anni quando nel 1987 il Forlì perse in casa con il medesimo risultato di 1 a 5 contro il Lanciano.

Rinforzo in attacco

All'indomani del vertice il Forlì ha trovato un nuovo rinforzo in attacco: Loris Tortori. Il calciatore classe 1988 è cresciuto nelle giovanili della Lazio e ha vestito le maglie di Isola Liri, Paganese, Latina, Melfi, Feralpisalò, Venezia, Viterbese, Carrarese, Foggia e Cesena, con il quale insieme a mister Giuseppe Angelini ha conquistato la promozione in serie C nella stagione 2018/2019.

Campionato a rischio

Nel frattempo a seguito dell'ultimo dpcm del governo Conte che ha confermato la continuazione dei campionati di serie A, B, C e D, proprio quest'ultima, la Lega Nazionale Dilettanti si interroga sul suo futuro: è stata infatti indetta una votazione delle 166 squadre partecipanti al torneo di serie D, le quali avranno due possibilità di scelta. Sul piatto ballano due ipotesi ben distinte: l'ipotesi "A"  prevede di proseguire il campionato con le società che potranno trasmettere live streaming le gare sui propri canali social oppure l'ipotesi "B" con una sospensione del torneo fino al 24 novembre quando scadranno le attuali misure restrittive.

Il Forlì dal canto suo ha fatto sapere di prediligere la seconda ipotesi alla luce delle oltre 30 gare rinviate per covid solo nell'ultimo turno di campionato e ritenendo che di conseguenza il torneo possa essere troppo sfalsato; al momento però pare che l'ipotesi più accreditata sia il prosieguo del campionato con il termine delle votazioni stabilito alle 15 di martedì.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento