Martedì, 16 Luglio 2024
Sport

Calcio, il Rimini capolista asfalta un Forlì rimaneggiato fino all'ultimo

Mister Graffiedi è costretto a snaturare il suo undici ideale dovendo rinunciare a Pezzi squalificato, a Ravaioli e Fabbri fermati da problemi fisici e a De Gori che alza bandiera bianca durante il riscaldamento

Continua la corsa del Rimini capolista che al "Romeo Neri" asfalta un Forlì decimato con un perentorio 4 a 1. Mister Gaburro arriva al derby con tutti gli effettivi a disposizione, Andreis recuperato a centrocampo e con la squadra che ha ben assorbito i carichi di lavoro dopo il turno infrasettimanale mentre mister Graffiedi è costretto a snaturare il suo undici ideale dovendo rinunciare a Pezzi squalificato, a Ravaioli e Fabbri fermati da problemi fisici e a De Gori che alza bandiera bianca durante il riscaldamento a pochi minuti dall'inizio dell'incontro con Stella che prende il suo posto.

Mister Gaburro non vuole distrazioni e  schiera il miglior undici a disposizione fra cui l'ex Tonelli a supporto di bomber Mencagli, mentre mister Graffiedi come detto rivoluziona in extremis i titolari con il forfait di De Gori che porta Stella tra i pali e Longo che fa il suo esordio in maglia biancorossa al posto di Pezzi squalificato. Gara subito in discesa per il Rimini che al 5° passa in vantaggio: Greselin sfreccia via sulla destra con Malandrino che ingenuamente lo aggancia. Dal dischetto Gabbianelli segna col brivido perché Stella in tuffo tocca la palla che lentamente supera la linea di porta.

Rimini-Forlì, le pagelle dei Galletti

Il Forlì in uno schieramento inedito per via delle assenze fatica a ritrovarsi e il Rimini al 9° non perdona e raddoppia con l'ex Tonelli che ruba palla a Buonocunto e dopo un uno-due con Greselin trova l'angolo basso dove Stella non può arrivare. Adriatici che dilagano al 21° con Greselin che capitalizza al meglio un cross di uno scatena Piscitella per il 3 a 0 e poker sfiorato al 24° con Mencagli che a tu per tu con Stella si fa respingere la conclusione. Ci si aspetta a questo punto un monologo dei padroni di casa ed invece all'improvviso il Forlì mette il naso fuori e accorcia le distanze su calcio d'angolo grazie ad una zampata del neo arrivato Longo che sigla 3 a 1. Forlì vicinissimo ancora al goal al 35° quando Rrapaj serve Gkertsos che per centimetri non arriva sul pallone sciupando una occasione colossale. Ultima emozione del primo tempo ancora di marca ospite con Ronchi che al 40° si rende pericoloso su un colpo di testa ma Marietta blocca.

Dopo un primo tempo giocato a buoni ritmi la ripresa cala sensibilmente; al 47° ci prova il Forlì con Pera che cerca le deviazione su un cross basso di Malandrino ma la palla è out. Il Rimini non fatica a respingere i timidi assalti dei galletti che lentamente cedono il passo alla stanchezza; mister Graffiedi prova a ravvivare la manovra inserendo Manara e Amaducci mentre Gaburro risponde con gli ingressi di Germinale e Ferrara ma le occasioni non arrivano. Il lampo conclusivo del definitivo 4 a 1 lo firma Gabbianelli che ruba palla a Elia Ballardini e trova l'incrocio sancendo la definitiva vittoria del Rimini e facendo tornare coi piedi per terra il Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, il Rimini capolista asfalta un Forlì rimaneggiato fino all'ultimo
ForlìToday è in caricamento