rotate-mobile
Calcio

Calcio, caso Carpi: il Forlì Calcio non molla e ricorre al Collegio di Garanzia

Nel tardo pomeriggio di mercoledì la società di Viale Roma ha annunciato con un comunicato di cercare giustizia e far valere i propri diritti inoltrando il ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni

Non accenna a  placarsi la disputa tra il Forlì Calcio e il modus operandi della Lega Nazionale Dilettanti e così dopo i due respingimenti del ricorso sull'omologazione della sconfitta per 2 a 1 a Carpi a danno dei galletti dal Giudice Sportivo e dalla Corte Sportiva d’Appello, nel tardo pomeriggio di mercoledì la società di Viale Roma ha annunciato con un comunicato di cercare giustizia e far valere i propri diritti inoltrando il ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni. La vicenda riguardava la posizione del giocatore emiliano, Tommaso Ceccotti, in campo contro il Forlì nella ripresa che non avrebbe scontato la squalifica a seguito dell'esclusione della Pistoiese dalla serie D. Immediato nel post gara il reclamo della società guidata dal presidente Gianfranco Cappelli agli organi competenti ma rispedita al mittente nei primi due gradi di giudizio.

Analizzate le motivazioni e convinti della bontà delle proprie idee il Forlì ricorrerà dunque al terzo grado di giudizio, così come scritto nel comunicato  della società: "Il Forlì Football Club comunica di aver presentato ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni in relazione alla gara Carpi-Forlì del 21 aprile ed all’avversa decisione recentemente pronunciata dalla Corte Sportiva d’Appello Nazionale della Figc. La Società ritiene necessaria e doverosa questa decisione convinta di andare alla ricerca della giustizia". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio, caso Carpi: il Forlì Calcio non molla e ricorre al Collegio di Garanzia

ForlìToday è in caricamento