Campionati italiani Junior, onorevole nono posto per Francesco Amici al decathlon

Forlivese di 19 anni, neodiplomato col massimo dei voti, iscritto al primo anno di Scienze Motorie, è uno dei più forti atleti forlivesi che da quattro anni veste con onore la maglia bianco-rossa della Libertas Atletica Forlì

Nono posto per il decatleta Francesco Amici ai Campionati Italiani Junior che si sono disputati lo scorso weekend a Grosseto. Forlivese di 19 anni, neodiplomato col massimo dei voti, iscritto al primo anno di Scienze Motorie, è uno dei più forti atleti forlivesi che da quattro anni veste con onore la maglia bianco-rossa della Libertas Atletica Forlì. Nel decathlon le gare sono 10 suddivise in due giornate: 4 gare di corsa veloce e resistenza (100, 400, 110hs e 1.500), 3 salti (lungo, alto e asta) e 3 lanci (peso, disco e giavellotto). Il risultato ottenuto in ogni gara determina un punteggio e la somma dei punti ottenuti nelle dieci gare farà emergere il vincitore. In questa disciplina estrema l’importante non è eccellere in una singola specialità, ma dimostrare capacità tecniche in tutte le discipline: bisogna correre veloce, saltare più in alto e lanciare molto lontano.

Amici ha corso i 100 metri in 11”62 a due centesimi dal personale. Nei tre salti a disposizione ha staccato molto lontano dalla battuta, lasciando in pedana almeno 35-40 centimetri, concludendo con un modesto 6.01 metri. Terza gara il lancio del peso, dove ha supera la linea dei 12 metri incrementando il primato personale di quasi un metro. Si è passati poi al salto in alto: lo stacco è stati meno brillante del solito e Amici si è fermato a quota 1.65, 10 centimetri sotto il suo primato. Nell'ultima gara del sabato ha chiuso i 400 metri in 56”75, archiviando la prima giornata di prove in 19esima posizione. Dopo essersi affidato alle mani del fisioterapista e trascorsa una notte di riposo, Amici è tornato deciso in gara.

Si è presentato ai blocchi di partenza dei 110 ostacoli, staccando il crono di 16”19 a pochi centesimi dal record personale. Nella settima gara i decatleti si sono cimentati nel lancio del disco, dove la tecnica rotatoria talvolta comporta difficoltà e l’attrezzo finisce in rete. Amici ha ottenuto il suo personale con 35.86, una delle migliori prestazione della giornata. Si è tornato nei salti con l’asta, una specialità difficile, ma che l’atleta forlivese ha affrontato con la giusta determinazione, eguagliando il suo personale con 3,60 metri.

Finalmente, a 22 ore dall’inizio della sfida delle prove multiple, arriva l'appuntamento con la nona gara: il lancio del giavellotto. E' una specialità che è nel suo Dna e d'altronde Francesco è un Amici e il giavellotto è nel Dna della famiglia, del babbo Pierangelo, del fratello Nicolò e ovviamente della zia campionessa Giuliana. La spallata è di quelle rabbiose, che hanno fatto schizzare l’attrezzo in aria come un missile per poi finire il suo volo a 54.26 metri, migliorando nettamente il personale con tanti punti da sommare. Dopo il giavellotto l'atleta forlivese ha proseguita la risalita in classifica. Ultima gara, i 1500 metri. Per i decatleti è quella della disperazione, quella che tutti temono perchè pochi terminano i 1.500 in piedi. Il cronometro si è fermato per l'atleta forlivese a 5’02”51 lontano dal personale, ma che gli ha consentito di arrivare ad una manciata di punti dai 6.000 obiettivo della stagione: decathlon concluso in nona posizione con 5.966 punti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prestazione eccellente nel giavellotto, ottenuta peraltro con la fatica di 8 gare precedenti, gli avrebbe consentito nella gara individuale degli specialisti junior, di accedere alla finale classificandosi settimo in Italia. Certamente con tanta fatica in meno, ma senza condividere l’indimenticabile esperienza di un decathlon con altri 22 eroi. Bastava guardarli tutti insieme a petto fieramente nudo, mostrare al pubblico incitante la potenza dei loro muscoli. Non ci sono dubbi che il futuro di Francesco continuerà nell’affascinante mondo delle prove multiple e questa sarà un'altra storia da raccontare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • La Juventus di Cristiano Ronaldo atterra all'aeroporto Ridolfi di Forlì

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • Due morti e un nuovo picco di contagiati nel Forlivese, altri due casi in più alla "San Camillo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento