Clavicola ok, Dovizioso può sorridere. E intanto Vinales vola nei test a Jerez

A farla da padrone è stato il caldo, con le temperatura dell'asfalto arrivata a toccare i 53°C

Immagine da Instagram

Finalmente tutti in pista. I big della MotoGp sono stati impegnati mercoledì in una giornata di test sul tracciato di Jerez De La Frontera, che precede il weekend del primo appuntamento della stagione della classe regina. A farla da padrone è stato il caldo, con le temperatura dell'asfalto arrivata a toccare i 53°C. In un turno pomeridiano condizionato da due bandiere rosse, una causata da un blackout elettrico e l'altra da una perdita di olio dall'Aprilia di Aleix Espargaro che ha innescato le cadute di Alex Marquez e Danilo Petrucci, a svettare è stato Maverick Vinales con la sua Yamaha del team Monster. Lo spagnolo in 1'37"793, precedendo di 118 millesimi la Yamaha Petronas di Fabio Quartararo. Terzo riferimento cronometrico per Marc Marquez, che al mattino aveva girato in 1'37"941.

A chiudere la classifica combinata dei tempi la Suzuki di Alex Rins e la Yamaha di Valentino Rossi. Non ha guardato al cronometro Andrea Dovizioso, al ritorno in pista dopo l'infortunio alla clavicola subìto il 27 giugno scorso in occasione della gara di motocross a Monte Coralli (Faenza). Il forlivese della Ducati ha completato senza alcun problema 22 giri al mattino e 29 al pomeriggio, il più veloce dei quali a 986 millesimi da Vinales. Tra un turno e l'altro l'ex iridato della 125cc si è rinfrescato in una piscina gonfiabile collocata nel retrobox. Dovizioso è apparso piuttosto sorridente, forte anche delle risposte arrivate dalla clavicola sinistra infortunata e che ha risposto meglio della aspettative.

"Dopo i quattro mesi di stop, questa giornata si è rivelata davvero fondamentale e sono molto contento di come è andata - afferma Dovizioso -. Grazie al lavoro svolto a casa dopo l’intervento alla clavicola, sono riuscito ad arrivare qui nelle condizioni ideali per poter fare un buon test. Ho trovato una situazione particolare: le temperature sono alte, le gomme diverse rispetto a quelle dello scorso anno e noi siamo stati molto tempo senza andare in moto, ma grazie a questo test ora possiamo concentrarci sugli aspetti importanti per la gara senza perdere tempo”.

Immagine da Instagram

Dovizioso-2020-jerez-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Meteo, ondata di freddo in arrivo: "Ma non parliamo di gelo. L'inverno continuerà ad essere dinamico"

  • Coronavirus, palestre ancora chiuse. "Contagi ancora alti. La riapertura è lontana"

Torna su
ForlìToday è in caricamento