rotate-mobile
Sport

La città contro le barriere architettoniche: ricevuti in Comune gli atleti paralimpici del Tiro a segno di Forlì

Alla cerimonia, oltre ai due atleti, hanno preso parte l'assessore allo Sport Sara Samorì, la presidente del Panathlon Forlì Marilena Rosetti, il presidente del Tiro a Segno Cesare Girometti e l'allenatore Widmer Parissi.

Un ringraziamento vivo e sentito quello che la Città di Forlì ha voluto tributare martedì pomeriggio nel salone comunale a Jacopo Cappelli e Massimo Dalla Casa, i due atleti paralimpici, tiratori del Poligono di Forlì, che non hanno potuto prendere parte alla consegna dei “Premi Panathlon” del 27 novembre scorso. Alla cerimonia, oltre ai due atleti, hanno preso parte l'assessore allo Sport Sara Samorì, la presidente del Panathlon Forlì Marilena Rosetti, il presidente del Tiro a Segno Cesare Girometti e l'allenatore Widmer Parissi.

La vicenda fece scalpore ed irruppe anche sui quotidiani nazionali. In breve, pur avendo ricevuto regolare invito alla premiazione ufficiale al Circolo della Scranna, Cappelli e Dalla Casa non poterono prendere parte alla premiazione: a separarli dagli atleti forlivesi, ben tre rampe di scale, impossibili da fare con le loro carrozzelle. Il Poligono e la Città espressero dispiacere dell'incidente. Sia per recuperare che per discutere di barriere architettoniche, sono stati organizzati due incontri con la presidente Rosetti: uno quello di oggi nel Salone Comunale, l'altro si terrà il 9 gennaio 2015 presso il Poligono.

“Spero che da un problema possa nascere un bene - ha detto Rosetti - perché ci sono tante cose da fare insieme”. E ancora: “oggi più che mai me ne rendo conto, presto un'attenzione maggiore alla tematica delle barriere architettoniche”. Le ha fatto eco l'assessore Samorì: “Questo incontro è per me l'occasione di ribadire la necessità di abbattere i limiti strutturali della città. L'Amministrazione si impegnerà in questo senso”. Ha quindi ribadito come in precedenti occasioni, che “lo sport è prima di tutto testimonianza di meritocrazia” e che, pertanto, era particolarmente importante premiare i due atleti paralimpici, che rappresentano “due eccellenze del nostro territorio”. A Cappelli e Dalla Casa è stato consegnato dall'amministrazione e dalla presidente Rosetti un omaggio, consistente in una caveja d'argento e nel libro “Guida raccontata di Forlì” di Giuliano Missirini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città contro le barriere architettoniche: ricevuti in Comune gli atleti paralimpici del Tiro a segno di Forlì

ForlìToday è in caricamento