rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Sport

Coronavirus, gli enti di promozione sportiva ai territori: "Rispettate le misure sanitarie"

"Restiamo uniti nell’urgenza e abbiamo pazienza, dal movimento sportivo diamo risposte di maturità"

"Gli atleti, i volontari, gli operatori dello sport di base rispettino sui territori le misure di emergenza da coronavirus. Restiamo uniti nell’urgenza e abbiamo pazienza, dal movimento sportivo diamo risposte di maturità. Quando saremo fuori dall’emergenza, torneremo presto a riempire le piazze con lo sport". Il coordinamento degli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni, a rappresentanza di quasi otto milioni di sportivi nel Paese, si appella alla propria rete di operatori e atleti per limitare eventi e allenamenti nel rispetto delle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

"Lo sport, di norma chiamato a unire le persone, oggi ha il compito prioritario di preservarne la salute - precisa il coordinamento -: ci appelliamo ai nostri territori perché operatori, volontari e atleti abbiano uno scrupolo in più nell’osservanza delle misure emergenziali. Lo sport di base tornerà presto a riempire piazze e parchi non appena saremo fuori dall’emergenza, partendo proprio dai territori che di più stanno soffrendo l’isolamento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, gli enti di promozione sportiva ai territori: "Rispettate le misure sanitarie"

ForlìToday è in caricamento